IN ESCLUSIVA IL PRIMO DENTE DI GIGANTE

TROVATO IL PRIMO DENTE DI UN GIGANTE ALTO NOVE METRI?

6b3406f0d32238fc87df50525785ec11.jpg

Le Foto sono © Adriano Forgione. E’ vietata la riproduzione senza consenso

Durante la preparazione della mostra Unsolved Mysteries, che dallo scorso inverno ha aperto le sue sale in Corea del Sud (prossimamente la mostra tornerà a Vienna e quindi partirà per il Giappone), ho fatto visita all’organizzatore e ideatore Klaus Dona. Questi ha il merito di aver riunito in un’unica esposizione centinaia di reperti fuori tempo (Ooparts), tutti rigorosamente autentici, che suggeriscono la presenza di almeno una civiltà evoluta prima della nostra. Dai Teschi di Cristallo alle Pietre di Ica, dalle tavolette iscritte della Burrows Cave ai Nomoli della Sierra Leone, dai reperti di Padre Crespi alla Collezione dei reperti fosforescenti di La Mana, sino ai ritrovamenti nei fondali della fortezza sommersa di Yonaguni. Dona è attivamente impegnato per provare la presenza di antichi giganti nel passato. La sua mostra ha già tra i reperti esposti alcuni frammenti di ossa umane di straordinaria grandezza, che indicano l’esistenza di uomini di circa 9 metri di altezza. La sua ricerca si svolge in Bolivia, dove ha contatti con alcuni custodi della tradizione che gli hanno idicato il luogo di sepoltura di giganti integri e che il ricercatore austriaco ha intenzione di scavare. Intanto gli è stato consegnato come prova un molare di enormi dimensioni (nelle foto), di circa 12 cm di lunghezza, radice compresa, sebbene incompleta, che alcuni dentisti hanno già identificato come umano ma «troppo grande per esserlo». Le foto che osservate in questa pagina sono le prime al mondo ad essere pubblicate. I suoi contatti in Bolivia, alla ricerca di antichi giganti, lo hanno messo in contatto con gli eredi di Padre Vaca, i quali gli hanno fornito un liquido giallastro che il sacerdote affermava trattarsi del famoso “PITO”, il liquido che secondo le leggende gli Incas impiegavano per sciogliere le rocce. Dona ne sta facendo analizzare qualche campione.
Le Foto sono © Adriano Forgione. E’ vietata la riproduzione senza consenso

9fb37dd20db4ee6ced0dcc4bb9dc7840.jpg

Le Foto sono © Adriano Forgione. E’ vietata la riproduzione senza consenso

IN ESCLUSIVA IL PRIMO DENTE DI GIGANTEultima modifica: 2008-07-17T12:55:00+00:00da adrianoforgione
Reposta per primo quest’articolo

13 pensieri su “IN ESCLUSIVA IL PRIMO DENTE DI GIGANTE

  1. Buongiorno, Ho appena letto l’articolo in cui si parla del ritrovamento di ossa umane di dimensioni spropositate. Se fosse vero che sono esistiti personaggi tanto alti, si potrebbe dare una spiegazione al mistero della Piana di Giza, dei disegni nell’erba in Bolivia o Perù, dei volti dell’Isola di Pasqua. Sarebbe fantastico!!!Pensa che sia possibile che questi esseri possano essere gli autori di capolavori appena accennati?Grazie

  2. Genesi 6:1-221 Ora avvenne che quando gli uomini cominciarono a crescere di numero sulla superficie del suolo e nacquero loro delle figlie, 2 allora i figli del [vero] Dio notavano che le figlie degli uomini erano di bell’aspetto; e si prendevano delle mogli, cioè tutte quelle che scelsero. 3 Dopo ciò Geova disse: “Il mio spirito non agirà certo indefinitamente verso l’uomo, in quanto egli è anche carne. Pertanto i suoi giorni dovranno ammontare a centoventi anni”.4 I nefilim mostrarono d’essere sulla terra in quei giorni, e anche dopo, quando i figli del [vero] Dio continuarono ad avere relazione con le figlie degli uomini ed esse partorirono loro dei figli: essi furono i potenti dell’antichità, gli uomini famosi.5 Di conseguenza Geova vide che la cattiveria dell’uomo era abbondante sulla terra e che ogni inclinazione dei pensieri del suo cuore era solo cattiva in ogni tempo. 6 E Geova si rammaricò di aver fatto gli uomini sulla terra, e se ne addolorò nel suo cuore. 7 Geova dunque disse: “Cancellerò gli uomini che ho creato dalla superficie del suolo, dall’uomo all’animale domestico, all’animale che si muove e alla creatura volatile dei cieli, perché davvero mi rammarico di averli fatti”. 8 Ma Noè trovò favore agli occhi di Geova. N.B. Chi sono questi “figli del vero Dio” che ” notano le donne” e anno figli? Nefilim si può tradurre con abbattitori, giganti, titani.I nefilim sono i figli ibridi e giganteschi degli angeli e delle donne.vedi lettera di Giuda versetto 6: 6 E gli angeli che non mantennero la loro posizione originale ma abbandonarono il proprio luogo di dimora li ha riservati al giudizio del gran giorno con legami sempiterni, sotto dense tenebre. 7 Così anche Sodoma e Gomorra e le città vicine, dopo avere nella stessa maniera dei suddetti commesso fornicazione in eccesso ed essere andate dietro alla carne per uso non naturale, [ci] son poste davanti come esempio [ammonitore], subendo la punizione giudiziaria del fuoco eterno.Si comprende che i “suddetti” angeli hanno peccato in quanto colpevoli di fornicazione in eccesso.

  3. Ricordiamoci sempre una grande verità: che la Verità, appunto è sempre la più semplice.. tempo fa un anziano in Sardegna mi raccontò del ritrovamento di 12 teschi di dimensioni enormi trovati allineati ai lati della SS66 in costruzione all’altezza di Orosei, tali scheletri vennero tenuto per lungo tempo sotto al sole cocente e l’archeologo e il medico che li visionarono non riuscirono però a datarli o a trasportarli perchè si polverizzarono sotto le loro mani… io non darei per scontato che siano tutte bufale…

  4. Hello Adriano, I am an associate of Klaus Dona, and have completed some significant research that I would like to bring to your attention regarding the Sanskrit world culture of Atlantis. I have completed the Unified Field Theory which proves the world’s pyramids act in unison as a wireless power system that runs on the frequency of the human heart (1.45Hz). My research has been self-published in a book called “Phi”, which I would share with you as a PDF file if you are interested in reading:http://www.humanresonance.orgThanks for your great work in this field and I hope we can connect our research efforts in the future. I have discovered 3 new cave sites that contain artifacts from the Atlantean Sanskrit culture, and I am hoping to excavate the sites with the right people, like yourself.Cheers to our successes,Alex Putney

  5. E’ vero che gli scheletri rimasti in ambiente anaerobico si polverizzano al contatto con l’aria (mio nonno, sardo, trovò due teschi in una grotta e non appena uscì all’aperto gli si polverizzarono fra le mani)…. Forse però la strada non era la SS66 (che è la statale che va da Firenze fino all’Appennino pistoiese)…. cmq in sardegna vi sono molti racconti degli antichi che parlano di giganti…..Il dente del mastodonte che è stato citato prima…. non mi pare che sia come quello della foto… Gli elefanti, mammuth e tutta la loro genìa hanno denti che con sezione “a striscie” perché si creano nella parte posteriore della mascella e vengono fuori orizzontalmente ed anche abbastanza velocemente perché questi si consumano molto…. Insomma non sono come i nostri.però il dente della foto assieme ad Adriano e quello sotto non sembrano lo stesso….Ma posso sbagliarmi…. cmq è bene che se ne parli… smuoviamo le coscienze.

  6. Poi il gentilissimo Paolo dovrebbe farci vedere una foto di un dente di mastodonte per metterle a confronto, altrimenti le sue sono solo chiacchiere, la cosa reale è che questo dente è stato studiato da dentisti che hanno confermato il fatto che sia umano.

  7. Salve,vedendo le foto e non essendo uno studioso dei fossili non posso dire con certezza cosa sia.Posso pero dire di cosa non si tratta,basta confrontare le foto online oltre che documenti della scienza ufficiale,per affermare che NON si tratta di Mastodonti,Elefanti,Mammut (di tutti i tipi,ivi compreso quello nano sardo).Somiglia per fattezze estetiche a quello dell’orso delle caverne,che pero sono piu’ piccoli di questo in questione.Partendo dal pressupposto che il pezzo sia genuino,non contraffatto in nessun modo sarebbe interessante sottoporlo ad analisi da parte di un esperto!Teneteci aggiornati

  8. Ciao Adrianoil dente è molto interessante, ci sono delle novità a riguardo? Un documento di laboratorio che attesti le analisi svolte e i risultati positivi, chiuderebbe la bocca agli scettici. La stessa cosa vale per le altre ossa di notevoli dimensioni trovate in seguito da Klaus Dona.Un caro salutoGiorgio

Lascia un commento