Conferenza sullo Starchild Skull a ROMA

ATTENZIONE.

Questa è la conferenza che stiamo organizzando per domenica 31 maggio.

UN CRANIO TROVATO IN MESSICO NEL 1930 E OGGI SOTTO STUDIO GENETICO POTREBBE NON ESSERE COMPLETAMENTE UMANO.

Vi apettiamo tutti.

 

Locandina-conf-Lloyd-A3.jpg
Conferenza sullo Starchild Skull a ROMAultima modifica: 2009-04-21T11:50:37+00:00da adrianoforgione
Reposta per primo quest’articolo

26 pensieri su “Conferenza sullo Starchild Skull a ROMA

  1. Caro Adriano,perdonami per questa “irruzione” OT ma è il miglior modo per contattare il maggior numero di amici ed amiche di Roma.Ho bisogno di collaborazione per una “INDAGINE SUL CAMPO” che coinvolge gli abitanti di Roma e/o frequentatori occasionali della capitale.Chiunque abbia assistito (direttamente o riferito) ad un evento strano o anomalo stamattina 24 APRILE 2009, ORE 7:10 circa in VIA NAZIONALE, nei pressi dell’incrocio con VIA FIRENZE,all’altezza delle fermate dell’autobus direzione P.zza Veneziaè fortemente invitato a contattarci e comunicarcelo.Potete scrivere direttamente nei commenti del nostro bloghttp://pinomorelli.splinder.com/o, se preferite, alla nostra email:eventiufo@gmail.comPer il momento non posso dirvi nulla sull’indagine in questione per il semplice fatto che voglio evitare, nella maniera più assoluta, di condizionare o influenzare gli eventuali testimoni, ma vi prometto che sarete aggiornati sugli sviluppi qualunque esito abbiano.Un sentito ringraziamento per la collaborazione.Antonello “Kirk”

  2. Mi stavo chiedendo la stessa cosa. Se si sa oramai da anni che il teschio in questione è totalmente umano, che senso ha fare una conferenza facendo finta che non si sappia se è “umano, ibrido o alieno”?Io la trovo una mistificazione.RISPONDE ADRIANO FORGIONECari Iol e Antonio, ma siete due servi dello stesso padrone? E’ inutile che cercate di sviare le persone interessate ad un caso come lo Starchild. Dato che siete così “saputelli”, fornitemi le prove di quello che state dicendo. Quel sito da voi segnalato non fornisce alcuna motivazione scientifica alle affermazioni che pubblica, nessuna analisi, solo un parere che si basa sulla mancanza di analisi del DNA nucleare di alcuni anni fa. Invito tutti ad andare a vedere di persona. Inoltre quell’esame oggi è stato svolto e sarà ripetuto entro breve, aggiungendosi ad altre analisi scientifiche fatte sulle ossa del cranio e che hanno ben altre risposte per chi è interessato DAVVERO! Su FENIX di maggio ci sono le foto degli esami del DNA oltre ad altre informazioni sulle anomalie “REALI” di quel cranio. Dove sono le analisi che dimostrano che è umano come afferma quella breve pagina disinformativa scritta solo da uno scettico che nulla sa e mai è stato coinvolto nello studio? Dove sono state pubblicate? Quali sono i nomi dei genetisti che hanno escluso la sua anormalità genetica? In quale lingua sono state pubblicate le analisi? Come mai questo giudizio, da voi sbandierato semplicemente perchè avete letto lo scritto di qualcuno ha deciso che, per lui, quel cranio non ha nulla di strano, non è condiviso dall’unico vero possessore dello Starchild, che è Lloyd Pye, che sta sovrintendendo ad ogni analisi? Chi sta facendo vera ricerca? Voi che state a casa a leggere qualche pagina web senza sostanza e senza conferma o lui che ci sta mettendo la faccia? Pye le prove le presenta di persona, con articoli e conferenze (non ha chiesto nessun gettone di presenza per venire e questo la dice lunga), e l’ultima analisi sul DNA nucleare, quella definitiva e ha già offerto risultati “assurdi”. Ogni notizia è sul prossimo numero di FENIX. Prima di parlare venite alla conferenza e fatevi riconoscere. Mettetci la faccia se avete il coraggio, come stiamo facendo noi e come fa Pye. Chiedete a Pye di mostare le analisi che confermano che si tratta di una beffa e, se avete le prove, mostratele voi a TUTTI!!!!! Mostrate la vostra faccia, fate gli uomini, cari i miei caporali e sbugiardate Pye se ne siete così certi. Solo allora potrete parlare, sennò è meglio che fate silenzio e rispettate la seria ricerca di chi mette in gioco se stesso e la propria faccia, al contrario di quanto sate facendo voi. ADRIANO FORGIONE(ho aggiunto la mia risposta all’ultimo commento in quanto il blog, al momento, non accetta commenti)

  3. “Servi dello stesso padrone”?? Oh, Adriano ma come ti permetti?? Tu stai ciurlando nel manico e lo sai bene! E’ Pye stesso che ha fatto condurre analisi del DNA nucleare del teschio nell’agosto 2003, da cui si evince, oltre ogni dubbio, che trattasi di DNA umano. E le prove sono state pubblicate da Trace Genetics, l’azienda che ha condotto le analisi. E i risultato non sono affatto assurdi per chi le sa leggere… sapendo cosa legge. Roba da matti.

  4. Lloyd Pye spiega bene nel suo libro e nel suo sito le peculiarità del teschio, che secondo lui è frutto di un esperimento di ibridazione umano-aliena. Analisi avanzate del DNA hanno provato che la madre era una donna di tipo andino, mentre il padre non è ancora riconoscibile, nel senso che finora non è stato riconducibile a nessun genotipo conosciuto. Forse lo sarà grazie ad ulteriori test in programma entro l’anno. Chi ha letto con attenzione il materiale messo a disposizione dall’autore, sa che questo reperto archeologico presenta delle caratteristiche anomale, non riconducibili a semplici malformazioni. Non posso affermare, come fa Pye, che si tratti di un incrocio umano-alieno, ma perlomeno concedermi questo dubbio. Proprio il fatto di aver ritrovato del dna umano ha portato Pye a formulare l’ipotesi dell’ibridazione. Mi sorprende che questo concetto non sia chiaro.Chi volesse fare domande a Pye e approfondire l’argomento, è invitato alla conferenza. Non capiterà facilmente di poter incontrare di nuovo questo ricercatore che, grazie ad Adriano, viene in Italia. Altrimenti consiglio di leggere il suo libro e visitare il sito. Almeno questo.Saluti, Lavinia Pallotta

  5. Caro Antonio, sai perchè mi permetto? Perchè è da tempo che qualcuno sta cercando di distruggere ogni cosa che facciamo. Non faccio nomi ma scagnozzi girano per nostri blog e scrivono anche altrove cose indegne solo con l’intento di distruggere le nostre oneste iniziative. E sinceramente sono stanco di questa solfa. Se poi tu non c’entri ti chiedo scusa, però, ribadisco quanto ho già detto. Prima di parlare bisognerebbe approfondire. E Pye sarà in Italia per questo. Dunque prima si ascoltano le due campane e poi si può esprimere un giudizio. Non credi? Sono il prmo ad essere critico, da tempo oramai, sull’ipotesi ANTICHI ATRONAUTI ma questo non vuol dire esserlo a priori senza metro di giudizio. Pye ha da dire qualcosa, ha portato delle prove interessanti sull’anomalia costituita da quel teschio. Dunque va ascoltato dato che trattasi di occasione unica. Per cui prima si ascolta e poi si parla.

  6. adriano non perdere nemmeno il tempo di risponderli a questi qua !!! gli dai solo soddisfazione ke non meritano assolutamente sono gnorry ke si nascondono sotto mentite spoglie non dicono alcunche di costruttivo sanno solo dare sentenze !!! qua a napoli si dice in questi casi “il miglior disprezzo e la non curanza” .quindi vai avanti e “nun e penza’”. grazie a te e a tutta xpubblishing per quello ke fate e farete. Leggendo su blog di mike mi sono un po preoccupato il proseguire delle riviste , mi tranquillizzi un po !!!cordialmente angelo da somma vesuviana napoli

  7. P.S. E poi non è corretto dire che Pye abbia fatto condurre analisi del DNA NUCLEARE nel 2003. Quella svolto nel 2003 è l’analisi del DNA MITOCONDRIALE, vale a dire quello che appartierne alla linea matriarcale, che infatti Pye ha dichiarato essere umano al 100%. Ma quello NUCLEARE, vale a dire quello di linea patriarcale, è in corso di svolgimento e i risultati sono anomali. Come si dice “MATER SEMPER CERTA EST, PATER NUMQAM”!!!. Dunque Antonio, la tua informazione è viziata da errore e dimostra una scarsa conoscenza dei fatti.

  8. Caro Adriano, ho letto il botta e risposta fra te e chi si crede di sapere tutto, hai fatto bene ad invitarli a venire alla conferenza, se ne avvranno il coraggio.Sono con te come sempre, e con tutti quelli che sono alla ricerca della verita’basta con la polvere negli occhi e ora di vederci chiaro.renza

  9. La rivista è ,olto carina e ben fatta, ma, da lettore, accettate un consiglio: attenti a non scadere nella metodologia informativa alla “Voyager”, per nulla scientifica e senza risposte.E’ irritante.Quanto alla storia dell’ibrido… mai sentito paralare di macrocefalia o idrocefalia?Sono stati trovati centinaia di reperti e casi anche moderni in cui i crani (non teschi…) sono identici al Vostro alieno… Ne ho libri pieni a casa!Ve lo dice un antropologo fisico.

  10. Egregio Andrea,mi permetta di puntualizzare che le caratteristiche del cranio del cosiddetto Starchild differiscono di molto dalla casistica relativa alla macrocefalia piuttosto che alla idrocefalia. Come analizzato negli articoli di cui alle riviste, la sottigliezza del cranio nonchè ulteriori elementi (che a mente rammento parzialmente ma che sono puntualmente elencati agli articoli menzionati) fanno escludere l’ipotesi che si tratti di macrocefalia o di alterazioni della scatola cranica derivanti da pratiche di modellazione del cranio nella fase della crescita. Certo occorreranno ulteriori analisi che diano una risposta sull’ascendente paterno del soggetto in questione, ma pare oltremodo riduttivo volere liquidare il tutto come un semplice caso di macrocefalia. Sono ben disposto a vedere le foto di cui ai Suoi testi e a confrontarmi con le Sue posizioni.Mi pare tuttavia metodologicamente discutibile il volere per forza ricondurre a normalità ciò che forse normale e umano non è: qui nessuno è uso gridare all’alieno ai 4 venti nè puntare al facile sensazionalismo, si cerca con onestà intellettuale di portare avanti argomenti scomodi per la scienza ufficiale, argomenti spesso tenuti in scarsa considerazione solo perchè non rientranti nelle Vulgate che fin da piccoli ci vengono propinate e raccontate in una costante attività di inebetimento delle masse. Tuttavia, l’inusualità di un reperto come di un fenomeno come di qualsiasi altra cosa non comporta necessariamente l’inesistenza dei medesimi.In fede.Lleyton

  11. Egregio Andrea,mi permetta di obiettare che le caratteristiche di detto cranio presentano alterazioni che difficilmente possono essere sic et simpliciter ricondotte a mere forme di macrocefalia o di idrocefalia: se così non fosse, casi come quello dello Starchild ve ne sarebbero a dozzine, invece esso è unico: come evidenziato negli articoli contenuti nelle riviste, vi sono elementi che portano a ritenere possa trattarsi di un ibrido. Certo si è in attesa della prova definitiva derivante dall’analisi del DNA di linea paterna, tuttavia per il momento occorre attendere. Nessuno si è messo a gridare ai 4 venti nè si è puntato al facile sensazionalismo, semplicemente, con mente aperta ed onesta, si sono evidenziate le anomalie, con l’animo di chi vuole fare ricerca senza vedersi tarpare le ali di ogni propria iniziativa dai dogmi delle Vulgate che ci vengono propinate fin dalla tenera età.

  12. Gentile Lleytonla sua suona come una difesa d’ufficio. Proprio come se alle suddette riviste e alla suddetta conferenza collaborasse anche lei. Lei non sarà per caso Mike Plato?Cordiali salutiPS: Ah, se le viene in mente una terza stesura per la stessa risposta, non esiti a postarla qui sotto

  13. E’ la seconda volta che mi viene detto di essere Mike Plato: no, non lo sono.Nessuna difesa d’ufficio, semplicemente una difesa in virtù della mera onestà intellettuale: ho riletto in serata gli articoli, ho riguardato le foto e mi sono reso conto che quel cranio ha ben poco di umano. La prego voler prestare attenzione alla posizione delle orbite oculari nonchè alla presenza di filamenti fibramentosi simil-Morgellons nel cranio stesso. Non è semplice macrocefalia a mio giudizio, comunque restiamo in ogni caso in attesa delle analisi.Cordiali saluti.

  14. Ragazzi non litigate! prima o poi (a proposito quando)? sapremo gli esiti finali relativi all’analisi del cranio e se ne potrà discutere molto più serenamente.Caro Adriano mi permetto di consigliarti di non abbandonare l’ipotesi “antichi astronauti” troppe testimonianze in tutto il mondo ne parlano(una su tutte i Sumeri).Un caro saluto emauele

  15. Vorrei esprimere un elogio agli organizzatori della splendida giornata evento di domenica 31 Maggio all’Hotel Congressi di Roma.Un insuperabile ed eroico Lloyd Pye e meravigliosi Adriano Forgione, Mike Plato e Francesco Corona.Un grazie sincero per l’entusiasmo che trasmettete e per l’importante e coraggioso lavoro di ricerca che svolgete. A presto, cordiali saluti Raffaella

  16. sono stati registrati poi dei video per youtube?!trovo che non sia giusto monopolizzare certe notizie..o consegnare solo a deteminati media…perchè noi siamo dall altra parte del sistema giusto?noi siamo per l aiuto reciproco il dialogo il bene l interesse e l informazione comune giusto?!risp!ciao grazie!

  17. Come esterno voglio far notare che il “sistema” che controlla la nostra vita e la vuole come è adesso, se non + restrittiva e profittevole (per lui) ha da sempre paura delle variabili improvvise come UFO, evnti misteriori ecc, ecc. Questo perchè potrebbero aprire una falla che nel tempo da crepa diventa squarcio sino al collasso finale della censura che ci viene quasi imposta. i modi di censurare e sbugiardare sono, oltre la censura, anche di prezzolare e pagare giornalisti, studiosi, scienziati di fama mondiale affinchè dicano il contrario facendo leva sulla loro immagine e prestigio.Anche il silenzio è una tecnica usata dal sistema: vedrete mai una trasmissione come quark parlare di misteri terrestri ed extraterrestri ? MAI !!!! perchè i conduttori, padre e figlio, sono stati messi lì dal sistema affinchè ci dicano LE LORO VERITA’.Chi cerca di infangare il caso di Starchild fa parte di questo esercito di prezzolati, nel caso sopra, anche poco essendo dei signor nessuno.

Lascia un commento