Aggiornamento sull’Arca dell’Alleanza

”Ho visto l’Arca dell’Alleanza ed è in buone condizioni”

abuna paulos.jpeg

Il Patriarca della Chiesa ortodossa d’Etiopia Abuna Pauolos smentisce alcune affermazioni riportate dai mass media qualche giorno fa ma in sostanza conferma quanto aveva anticipato due giorni fa dall’ADNKRONOS. Lo fa in una conferenza stampa tenutasi all’Hotel Aldrovandi a Roma, cui ha partecipato anche il principe Makonnen Haile Selassie, nipote dell’imperatore. “L’ho vista con senso di umiltà, non con orgoglio, come quando si va in chiesa. E’ la prima volta -ha proseguito il Patriarca Pauolos- che dico questo in una conferenza stampa. Ripeto l’Arca dell’Alleanza è in Etiopia e nessuno di noi sa per quanto tempo ancora. Solo Dio lo sa“.

 

Tutto quello che si trova nell’Arca -ha spiegato il Patriarca rispondendo alla curiosità dei cronisti- è descritto perfettamente nella Bibbia. Lo stato di conservazione è buono perché non è fatta da mano d’uomo, ma e’ qualcosa che Dio ha benedetto“. “Ci sono molti scritti e prove evidenti sulla presenza dell’Arca in Etiopia. Non c’è ragione perché qualcuno pretenda di affermare di avere qualcosa che non ha -ha precisato il Patriarca-. Non sono qui per dare delle prove che l’Arca sia in Etiopia, ma sono qui per dire quello che ho visto, quello che so e che posso testimoniare. Non ho detto che l’Arca sarà mostrata al mondo. E’ un mistero, un oggetto di culto“.

 

Il Patriarca Pauolos ha anche parlato della costruzione di un museo ad Axum, una struttura che dovrà accogliere e conservare i tesori costruiti per secoli e secoli ad Axum. Nel museo, finanziato dalla fondazione del principe e che dovrebbe essere costruito entro due anni, potrebbe essere collocata anche l’Arca dell’Alleanza, ma per questo ha spiegato Abuna Pauolos “c’e’ bisogno di una decisione che spetta al Santo Sinodo, l’istanza suprema della Chiesa ortodossa etiope“. Il patriarca Pauolos, presidente del G8 delle Religioni, ha preso parte dal 16 al 18 giugno al G8 delle religioni che si e’ tenuto tra Roma e L’Aquila. Poi ieri il Patriarca e’ stato invitato dalla comunita’ di Sant’Egidio dove ha partecipato a una giornata di studio sulla storia religiosa d’Etiopia, e sempre ieri ha incotrato in Vaticano il Pontefice Benedetto XVI.

 

Nell’incontro in Vaticano Benedetto XVI e il Patriarca hanno discusso di molte cose e sua Santità ha rivolto al Patriarca l’invito a tornare a ottobre“, ha precisato il principe Makonne Haile Selassie.

arca_alleanza2.gif

Aggiornamento sull’Arca dell’Alleanzaultima modifica: 2009-06-30T01:44:40+00:00da adrianoforgione
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “Aggiornamento sull’Arca dell’Alleanza

  1. Non è vero che non è fatta da mano d’uomo… è stata commissionata ad un falegname da Mosè…Dio ne riferì a allo stesso Mosè misure, utilizzo e materiali.La cosa strana più strana è che vi si arrostivano anche i vitelli e le capre per produrre “quell’odore soave che tanto piace al Signore”…è tutto scritto nel Pentateuco… più lo leggo e più ne sono… disgustato.

  2. Per ogni cristiano l’Aca dell’Alleanza del Signore è una preziosa ed insigne reliquia. Quella di Axun ha molte possibilità di essere autentica. Quindi, anche se la Sinodo deciderà di esporla, spero che sia in una Chiesa e non in un museo. Essa è testimonianza selle grandi opere che Dio ha compiuto e compie tuttora per il suo popolo. quindi non scherziamoci (questo, in particolare per Giulio). Comunque i sacrifici non si bruciavano “sull’Arca” ma “davanti all’Arca” sull’Altare dei Sacrifici. Così attesta la Scrittura e questo sia nel tempio mobile dei tempi dell’Esodo come nel Tempio in murature di Salomone.+Silvano, vescovo Ortodosso di Luniortodossi@tiscali.it

  3. La ringrazio e mi scuso per la precisazione sull’altare che ho riportato non corretta.Non era mia intenzione scherzarci ma ragionarci, ritenendo il Pentateuco spesso contradditorio ed essendone la questione relativa all’Arca dell’Alleanza una parte sostanziale dello stesso.

Lascia un commento