I primi cerchi nel grano di LUGLIO

Ecco la formazione apparsa a Waden Hill (UK) l’1 Luglio scorso. Un glifo solare da cui dipartono 28 “spermatozoi” formati da 14 coppie ciascuno. Ancora un richiamo allo smembramento di Osiride in 14 pezzi, ancora un multiplo di 7 (7×4 oppure 7×2). Credo sia la rappresentazione dello smembramento del Corpo Cristico primordiale, da cui si sono espanse le Scintille Divine, le quali, divise nel mondo manifesto e nascoste all’interno del consorzio umano, dovranno riunificarsi alla fine dei tempi. Un messaggio importante in questo momento  che affronterò presto nel prossimo post relativo al fenomeno.

Waden Hill 1 luglio.jpg

La seconda formazione di Luglio, è apparsa il giorno 2 a Stanton St. Bernard. È riconoscibile ancora una simbologia aviaria, come per la Fenice o l’Uccello del Tuono, dello scorso Giugno.

stanton-st-bernard.jpg

Si tratta di qualcosa di molto simile al Colibrì di Nazca. Il Colibrì, rappresenta la velocità, quindi come Horus, è il Mercurio, e dunque esprime l’archetipo del Messaggero Degli Dei.

humming-bird-nazca-lines.jpg

È inoltre espressione di colui che si ciba del nettare della sua anima (il fiore) come fa anche un altro simbolo solare e regale, l’ape, apparsa nel fenomeno il 7 luglio del 1994. È un uccello solitario, quindi esprime anche l’individualità della ricerca interiore, che è esclusivamente personale nelle modalità e nei risultati. Nelle culture andine il Colibrì rappresenta il concetto principe che i creatori del fenomeno hanno, a mio modo di vedere, voluto rappresentare con la sua immagine, vale a dire la RESURREZIONE e l’apertura definitiva del 4° chakra nell’uomo e planetario, il chakra del cuore. Questi nelle fredde notti sembra morire per risorgere all’alba successiva. Dunque, ancora un messaggio di rinascita, non dissimile dalla comunicazione che “l’esecutivo” di questo fenomeno sta portando avanti da 30 anni. Un’ultima annotazione: in inglese Colibrì si dice HUMMINGBIRD (da “Hum”, suono vibrante, ronzio), perchè questo piccolo uccello fa vibrare così forte le sue ali (ecco il Mercurio, il dio veloce dalle ali ai piedi e alla testa) da emettere un suono vibrante, come le api o come il suono alla base della creazione. Per questo “HUM” è analogo al mantra “OM” o all’occidentale “AUM”. Dunque è anche espressione del Logos, quindi del Verbo Messaggero. A conferma della relazione tra il Colibrì che succhia il nettare dal fiore (cuore) e il Messaggero degli Dei ecco tre opere: una è una statua nella cattedrale gotica di Vienna (Santo Stefano) in cui il Bimbo Cristico mette la mano nel fiore-cuore della Vergine, quindi si ciba della sua stessa anima. La seconda è la cibatio di Krishna che si alimenta del burro dal vaso (cuore). La terza è Horus Bedhet , Horus bambino. Tre immagini analoghe. SPLENDIDO!

hummingbird.jpg
madonna.jpg
krsna-full.jpg

 

DSC03636.jpg

 

I primi cerchi nel grano di LUGLIOultima modifica: 2009-07-02T20:05:00+00:00da adrianoforgione
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “I primi cerchi nel grano di LUGLIO

  1. Ciao ho scoperto il tuo blog grazie a un link dato da Gelsomino Lullo.Grazie delle condivisioni che ci proponi… non sono un’esperta di crops, ma mi affascinano tantissimo e mi sembra proprio impossibile che ci siano persone che si prendono la briga di farli per.. prendere in giro chi ci crede a questi fenomeni..La cosa che ancora mi stupisce.. è che non ne parlano mai i mass media.. parlano solo di guerre, disgrazie, crisi che si inventano per tenerci sottomessi…Katia (da Trento)

Lascia un commento