Una foto dell’anima che lascia il corpo?

death-moment-pic-life-ru-473321134.jpg

Queste immagini sono state diramate dal Dr Kostantin Korotkov che, ha dichiarato lo scienziato russo, mostrano il momento in cui l’anima abbandona il corpo alla morte di un individuo. Si tratta di una foto in tecnica Kirlian, che Korotkov, direttore del Research Institute of Physical Culture di San Pietroburgo, riconosciuta autorità internazionale nelle foto con tecnica Kirlian, da lui perfezionata con tecnica GDV (gas-discharge visualization) ha applicato su una persona in punto di morte. L’alone azzurro nell’immagine a sinistra è il momento in cui, secondo lo scienziato, l’anima sta abbandonando il corpo che, una volta spirato il soggetto, diviene rosso. La tecnica GDV svipuppata da Korotkov permetterebbe di monitorare il progresso di trattamenti medici. Lo scienziato ha affermato che le immagini da lui ottenute dimostrerebbero che l’anima ritorna più volte nel corpo, specie nelle ore notturne e lo scienziato ascrive il fenomeno a energia non utilizzata che è contenuta nell’anima che oramai ha abbandonato il corpo ma si troverebbe in uno stato confusionale a causa del cambiamento di condizione.

Una foto dell’anima che lascia il corpo?ultima modifica: 2009-08-28T19:05:00+00:00da adrianoforgione
Reposta per primo quest’articolo

34 pensieri su “Una foto dell’anima che lascia il corpo?

  1. Gentile Signor Forgione…la sua rivusta,la sua opassione e il suo impegno treovo siano straordinari.iul suo e0′ un ceervello fuoriu dal comune.il mio e’ un cervello comune.ma se Lei avesse piacere,mi piacerebbe collaborare con la sua rivista.non sono riuscita a contattattarla in altro modo…cordiali salutibetti

  2. La fotografia Kirlian che fotografa l’anima o l’aura delle persone è una cazzata colossale! Forgione mi stai deludendo sempre di più!Guardatevi questo breve video che smaschera in modo lampante e veloce in cosa consiste la camera Kirlian e l’uso truffaldino che ne fanno gli pseudo-sensitivi:http://www.youtube.com/watch?v=yvWXHxCjQocAltrimenti potete sempre leggervi questo breve articolo:http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=100255

  3. il corpo umano brilla di luce propria…non so come si mettono le immagini…peccato….Il corpo umano emetterebbe radiazioni luminose nel campo del visibile. I curiosi risultati di uno studio giapponese (Franco Severo, 29 luglio 2009)Secondo una recente ricerca condotta in Giappone il corpo umano emette luce. Ma se state pensando allo Zio Fester con la lampadina in bocca siete fuori strada: Hitoshi Okamura e i suoi colleghi affermano infatti che uomini e donne emettono luce nello spettro del visibile, anche se 1000 volte meno intensa di quella rilevabile a occhio nudo. In realtà, secondo i ricercatori tutti gli esseri viventi emettono una debolissima luce, prodotta da alcune reazioni biochimiche che coinvolgono i radicali liberi.Nudi per la scienza. Gli scienziati giapponesi hanno fotografato 5 volontari con una speciale macchina fotografica sensibile alla luminosità di un singolo fotone. I modelli sono stati immortalati nudi, all’interno di una stanza perfettamente buia, a intervalli di 3 ore, tra le 10 del mattino e le 10 di sera. Ogni posa è durata 20 minuti e l’esperimento si è ripetuto per 3 giorni di seguito.Brillare di luce propria. Le immagini ottenute da questo curioso test sono visibili qui a sinistra: il corpo umano, e in particolare la testa, emettono radiazioni luminose nel campo della luce visibile. La maggior luminosità si ha attorno alle 4 del pomeriggio, mentre il picco opposto è alle 10 del mattino. Secondo i ricercatori il volto è più luminoso del resto del corpo poichè essendo più esposto al Sole produce una maggior quantità di melanina e questo pigmento contiene una componente fluorescente che accentua la debolissima luminosità della pelle. Obiettivo dello studio è ora quello di capire se questa luminosità biochimica possa essere utilizzata a fini diagnostici, per scoprire eventuali anomalie e malfunzionamenti nel nostro corpo.

  4. i vampiri dell’ungheriaL’Ungheria condivide con la Romania e i paesi slavi la fama di essere particolarmente infestata dai vampiri. Questa fama e’ dovuta a una serie di eventi straordinari che ebbero luogo tra la fine del XVIII sec.,e attirarono l’attenzione di teologi e di studiosi dell’occulto,suscitando un tale scalpore da trovare ampia eco su tutti i giornali dell’epoca. uno dei trattati più famosi pervenutici direttamente(molti altri ormai sono irrepetibili)e’ quello dell’abate Augustin Calmet(1672-1757) ,entrato sedicenne nell’ordine dei benedettini ed eletto abate a Senones,in Lorena nel 1728.nella sua opera “Dissertazioni sopra le apparizioni de’ spiriti e sopra i vampiri o i redivivi d’Ungheria,di Moravia ecc.” cosiì scrive:”una nuova scena s’apre ai nostri occhi in questo secolo da 60 anni in Ungheria,Slesia e Polonia si vedono uomini morti da molti anni ritornare,parlare,camminare inquietare i villaggi,offendere gli uomini e gli animali,succhiare il sangue de’ suoi propinqui,portare ad essi malattie,farli morire,di maniera che non si puo’ liberarsi dalle visite moleste,se non col dissotterarli,impalarli”da Abate Calmet fra le sue storie Calmet racconta che Arnaldo Polo restò schiacciato sotto un carro di fieno.30 giorni dopo 4 persone erano morte misteriosamente “nella maniera in cui muoiono quelli molestati dai vampiri”.qualcuno allora ricordoò che in passato Arnaldo,sulle frontiere della Servia Turchesca fu perseguitato da un Vampiro e poiché “quelli che vivendo sono stati vampiri passivi,dopo la morte diventano vampiri attivi;vale a dire che quelli che furono succhiati da vivi ,succhiano da morti” fu deciso di dissoterrare il cadavere.malgrado in vita l’uomo avesse cercato di guarire mangiando la terra del sepolcro del vampiro che lo perseguitava,risultò comunque…non guarito,visto che il suo corpo fu trovato ben colorito,con capelli,barba,unghie cresciute e il sangue fluido nelle vene. Un palo gli fu conficcato nel cuore e lui emise un terribile grido.gli fu tagliata la testa e fu bruciato. Le morti pero’ continuarono.cosi’ si scopri’ che Arnaldo aveva morso almeno 17 persone e molti animali e questi andavano in giro a perseguitare ed uccidere altre persone.furono riesumati altri cadaveri ed eliminati i vampiri.una persona diventa un vampiro se:-nel bambino il sacco amniotico non si rompe subito alla nascita(diventa vampiro entro 6 mesi-una donna diventa vampiro se ha praticato la magia o ha avuto rapporti con il maligno :-se un bambino muore prima di essere battezzato,diventa vampiro all’eta’ di 7 anni-uomini che giurano il falso diventano vampiri in 6 mesi-se un uomo getta lo sguardo su una donna in cinta e lei non e’ immunizzata,il bambino nasce vampiro-se una donna in cinta non mangia sale il bambino diventa vampiro-quando nascono 7 bambini il settimo nasce con la coda da vampiro-un uomo diventa vampiro se un gatto gli salta sopra una volta che e’ morto………..in Ungheria i corpi venivano dissotterrati dopo un periodo di tre anni se si trattava di un bambino,di 4 o 5 anni se un ragazzo,7 anni se un vecchio.se non era decomposto gli si conficcava un palo nell’ombelico e gli si strappava il cuore.il cuore doveva essere bruciato su del carbone di legna;poteva essere anche bollito.le ceneri venivano raccolte,diluite con l’acqua e date da bere ai malati.potevano essere usate anche per ungere i bambini e gli animali e tenere cosi’ lontano il maligno.

  5. SPIACENTE DI DELUDERTI RUNNIX. HO INSERITO UNA NOTIZIA DA GIORNALISTA DANDO TUTTI I RIFERIMENTI AD OGNUNO DI VOI PER FARSI LE PROPRIE RICERCHE E NON HO ESPRESSO PARERI PERSONALI, NE’ HO INVENTATO IO LA NOTIZIA. MI SEMBRA DI AVER USATO IL CONDIZIONALE E CIITATO IL TUTTO CON FRASI DEL TIPO …” secondo lo scienziato”…. INOLTRE CHE LA FOTO KIRLIAN SIA UNA BUFALA LO DICE IL CICAP? PROPRIO PER QUESTO LA TUA NON E’ UN’OSSERVAZIONE AFFIDABILE. SE DOVESSIMO CENSURARE OGNI COSA DOVE SAREBBE LA LIBERTA’ DI STAMPA E INFORMAZIONE? SBAGLI A GIUDICARE, AMICO MIO.

  6. In parole povere la fotografia Kirlian potrebbe fotografare l’anima solamente se questa fosse un gas. Questo perché la tecnica Kirlian fotografa la ionizzazione delle molecole di aria che si trovano intorno all’oggetto al momento dello scatto. Per provocare la ionizzazione del gas l’oggetto viene sottoposto ad una scarica elettrica. I colori diversi sono dati dalla diversa combinazione di gas che si trovano intorno all’oggetto al momento dello scatto.Il risultato è molto affascinante, ma se l’anima non fosse altro che un semplice gas o una miscela di gas come l’aria, allora la sua esistenza sarebbe stata provata già da un pezzo senza il bisogno di aspettare Kirlian. A mio parere Korotkov è un ciarlatano.FORGIONE GLI AMANTI DEL MISTERO (COME ME) PENDONO DALLE TUE LABBRA MA NON PUOI DARGLI IN PASTO TUTTO QUELLO CHE TROVI SENZA UN MINIMO DI SELEZIONE. PRIMA DI POSTARE UNA NOTIZIA CONSULTATI CON ALTRI ESPERTI, COMPRESO IL CICAP

  7. Runnix, grazie per la stima, ma non voglio che nessuno penda dalle mie labbra. Ognuno abbia la sua testa e le sue idee, che ognuno si faccia la propria opinione sulle cose, anche se si disquisisce di un argomento che, apparentemente è una bufala. Il fatto stesso che tu stai postando ricerche di qualche tipo a questo collegate è una crescita e aiuta altri a capirci di più. Quantomeno cresce maggiormente la qualità della discussione. Censurare è qualcosa che non fa parte di me, mi dispiace. Se credo che qualcosa sia fasullo, lo dico a priopri, come ho fatto con la storia della Tomba del Visitatore.

  8. Rispondo a Runnix.Quello che dice il CICAP riguarda il contorno luminoso che si vede nelle foto con tecnica Kirlian, ma in queste due foto non si evidenzia il contorno, solo il cambiamento di colore nella sagoma.Per te, Adriano:Se questo, cioè il cambiamento di colore, significa che l’anima stia cambiando la sua locazione, non lo so.A me sembra più semplicemente un cambiamento di temperatura dovuto alla morte del soggetto.

  9. Chiedo scusa, ma non potrebbe essere che le foto in questione riportano solamente le varie fasi di raffredamento del corpo dopo che questo sia morto? Anche perchè come i può stabilire per assoluto che si tratti dell’anima? Cioè come è fatta un’anima? Chi ha mai visto un’anima per poterla descrivere e comparare? Certo, vi sono tanti sensitivi che affermano di avere visto l’anima…ma quì già siamo in un altro campo. Chiedo scusa per le mie considerazioni….

  10. Posso solo dire una cosa con assoluta certezza: la foto del post non è stata scattata con la tecnica Kirlian. Prima non l’ho detto per non mettere troppa carne sul fuoco ma siccome daniela ha precisato che nella foto si vede solo il cambiamento di colore della sagoma, allora a questo punto è meglio specificare che la foto in questione non è stata neanche scattata con la tecnica Kirlian.

  11. Ho visto solo oggi la discussione circa la fotografia dell’anima che lascia il corpo e pur essendo per principio razionale e scettica circa questi fenomeni (il mio approccio come studiosa di storia mi porta a valutare per prima cosa fatti e riscontri), devo però ammettere che l’argomento mi incuriosisce molto. In particolare vorrei sapere da Runnix come fa a sapere che questa foto non è stata scattata con la tecnica Kirlian…é un esperto di fotografia, uno studioso della materia o un appassionato? Ne approfitto anche per ringraziare Forgione che in tempi come questi crede ancora che le notizie debbano per prima cosa essere date per incentivare così la discussione e perchè no contribuire a svelarne verità o menzogne…In fondo il dubbio è il sale fondamentale di ogni ricerca…Se io come storica decidessi arbitrariamente quali fatti raccontare e quali tralasciare solo sulla base delle mie tare personali allora non sarei un buon ricercatore…Ovvio che mi riferisco a fatti palusibili e studiabili…Grazie ancora a Forgione, dunque, per il suo approccio imparziale e concreto alle notizie…

  12. C’è mio zio che ha uno studio fotografico dove ogni tanto do una mano. Comunque non c’è bisogno di essere degli esperti per riconoscere una foto fatta con la tecnica kirlian: basta andare su google immagini e cercare “foto kirlian”. Anche un novellino si accorgerebbe immediatamente della differenza che c’è fra una foto kirlian e l’immagine nel post. Vi metto il link di alcuni esempi di vere foto Kirlianhttp://www.webpan.com/dsinclair/kirlian-fingerprints.jpghttp://whoyoucallingaskeptic.files.wordpress.com/2008/07/vital-force-of-a-crescent-wrench.jpghttp://whoyoucallingaskeptic.files.wordpress.com/2008/07/vital-force-of-fern.jpgNon fatevi ingannare dall’effetto aura delle foto. Come ho scritto prima non c’è nulla di paranormale o di inspiegabile in questa tecnica fotografica.

  13. Grazie Runnix per la tua precisazione…in ogni caso da quello che ho capito il dottor Korotkov ha effettuato la foto non semplicemente attraverso l’effetto Kirlian ma perfezionando lo stesso con un tecnica nota come GDV. Non avendo ancora visto altre foto scattate con questa perticolare tecinica di sua invenzione le mie riserve si mantengono intatte ed anche la mia curiosità a riguardo. Soprattutto perchè proprio riguardo questa storia mi sono tornate in mente le parole di Mme Blawasky in “Iside Svelata” quando nel tentare di fornire una spiegazione al fenomeno del vampirismo fa riferimento alle tre parti di cui, secondo la tradizione, sarebbe composto l’essere umano: anima, corpo sottile, corpo materiale. Secondo la sua interpretazione il corpo sottile di alcuni individui, specie in casi di morte violenta o improvvisa, permarrebbe in una sorta di limbo, incapace di accettare la sua nuova condizione ed attratto dal corpo materiale. Per questo se non adeguatamente sepolto il defunto si manifesterebbe ai suoi cari come da vivo, sebbene la manifestazione non sia fisica ma strale trattandosi del corpo sottile. I casi di vampirismo potrebbero essere ricondotti a questo fenomeno…Dato che il dottore specifica nella foto che il corpo prima e dopo la morte è stato soggetto di ripetute manifestazioni di energia come se qualcosa tentasse di ricongiungersi ad esso, perchè non pensare che in realtà (sempre è ovvio che la foto sia autentica) invece che dell’anima non si stia parlando del corpo sottile? In fondo gli uomini hanno un loro preciso campo magnetico e questo può essere monitorato…ed è altrettanto un fatto che la nostra energia varia (se misurata) a seconda delle nostre condizioni di salute e dei livelli di stress…ovvio sono solo congetture… in ogni caso rimane piuttosto strano, anche pensando solo a una foto che individui le variazioni di temperatura nel corpo, che questo dopo la morte si colori di rosso che a quanto ne sò è il colore che rappresenta la presenza di calore e dunque di energia…

  14. La tecnica conosciuta come GDV (Gas Discharge Visualisation) si basa sulla cattura elettrofonica dei gas ed è quindi l’equivalente della tecnica Kirlian con la differenza che la macchina sviluppata da Korotkov può fare anche i video con audio (evidentemente muto) oltre che le foto. Il risultato è identico ad una foto Kirlian.Ho già spiegato che se l’anima fosse un gas la sua esistenza sarebbe già stata provata da un pezzo. Purtroppo l’anima non è qualcosa di empirico perché non è composta da materia né allo stato solido né a quello liquido né a quello gassoso.Se poi vogliamo scambiare i gas emessi da un corpo in decomposizione per l’anima, allora siamo liberissimi di farlo.Purtroppo il dottor Korotkov fino ad oggi non ha mai reso noti in dettaglio i principi scentifici della sua tecnica, alimentando al contempo le voci secondo le quali la tecnica permetterebbe di fotografare l’anima e l’aura degli essere viventi e non solo. Sfortunatamente il nostro CICAP è un’organizzazione unica nel suo genere perché in tanti altri paesi come la Russia nessuno si preoccupa di verificare l’attendibilità delle affermazioni sul paranormale, permettendo così a ciarlatani e truffatori di ogni genere di prolificare indisturbati.Riguardo al corpo sottile io non sono un esperto ma le teorie se non dimostrate restano teorie che possono anche essere confutate. I vampiri sono sempre esistiti prima nelle paure di una plebe medievale, poi nell’immaginario popolare e solo lì continueranno ed esistere sempre.

  15. premetto che credo nelle esperienze di premorte, tuttavia pur non essendo uno scienziato la logica m’impone prudenza.tutto sommato l’effetto kirlian si basa sul calore corporeo.nel momento del trapasso probabilmente si registrano diverse temperature, riconducibili a diversi colori, ma da qui a dire che l’anima è stata fotografata ce ne corre…le affermazioni dello studioso potrebbero essere vere, tuttavia aspetterei ulteriori sviluppi prima di dare giudizi.Emanuele

  16. No Emanuele, l’effetto Kirlian non si basa sul calore, ma sulla ionizzazione di gas (infatti si chiamerebbe più propriamente effetto corona)Però è vero che nelle foto che Forgione ha preso e copincollato da altri rimbalzi di notizia (il tutto acriticamente e senza nessun approfondimento, come da vero “ricercatore” dell’occulto…) rappresenta una mappatura termica di un corpo umano.E’ interessante vedere che quella foto compare nel web solo dopo qualche passaggio del re-edit delle notizie su Korotkov (che per altro sono già vecchie di suo, perchè di affermazioni del genere lui ne tira fuori già da 10 e passa anni)Nei primi lanci di agenzia (sempre fonte russa) non comparivano quelle foto, ma delle tipiche immagini di effetto corona. Foto d’archivio, con foglie ed oggetto vari.Poi, forse, qualche redattore ha pensato che una foglia non era sufficiente a rappresentare l’oggetto della “notizia” e quindi ci ha schiaffato sopra l’immagine di un corpo colorato. Poco importa che fosse una immagine fatta agli infrarossi, tanto la maggior parte delle persone sannonasega di cosa sia la camera Kirlian e di come siano le foto da essa generate.Così abbiamoa vuto un “secondo tempo” del rimbalzo di questa notizia, in cui le immagini che hai visto in cima a questo topici hanno completamente sostituito quelle del lancio originale.Senza che nessuno (Forgione compreso) si sia domandato niente.E’ proprio il caso di dire: striscia la notizia! (Nel senso che il modo di divulgare i “misteri” è già ai livelli minimi storici, più in basso di così proprio non può proprio strisciare)

  17. in effetti ricordo anch’io la foglia (credo ormai ultraventennale), ricordo anche le foto di una mano con il cosiddetto effetto “aura”, francamente però continuo a non vedere il nesso con le fotografie dell’anima.credo che a tutt’oggile tecnologie in nostro possesso non siano in grado di provare l’esistenza “fisica” dell’anima.questo non esclude ovviamente il fatto che quest’ultima possa esistere.Emanuele

  18. Prima di tutto Runnix i programmi di Piero e Alberto Angela (http://www.youtube.com/watch?v=yvWXHxCjQoc) sono molto istruttivi ma un pò limitati alla Scienza tradizionale.Secondo, anche gli oggetti hanno un’energia, ecco perchè la Kirlian ne ha fotografato l’aura. Tutta la materia presente nell’universo è composta di energia, ogni cosa è viva. È il nostro concetto di vita ed energia ad essere limitato.Terzo nel 90′ al Sana di Bologna, Fiera del Naturale, ho fatto, assieme ad un mio amico, la foto dell’aura. Il risultato era ovviamente di due aure diverse che rispecchiavano perfettamente il nostro stato evolutivo e mentale. Sono state fotografate a pochi minuti di distanza nello stesso punto: quindi come è posibile che sia tutto imputabile ai gas presenti nell’ambiente al momento dello scatto? Avremmo dovuto avere la stessa aura.Forse la spigazione potrebbe essere che questi gas, entrando in contatto con la nostra energia, diano come risultato dei colori che cambiano a secondo della frequenza energetica dei vari livelli. La nostra aura può essere di un unico colore o a più colori, a seconda del soggetto e quindi delle sue emozioni o mutamenti spirituali.Non screditiamo sempre tutto, solo perchè ci sono informazioni contrastanti…la verità sta nel mezzo ; )

  19. Ma perfavore, ho letto il post, trovato casualmente, e tutti i commenti.Sono un medico, ho una grande passione per la fotografia, la fisica ed ogni scienza umana, ma sono anche interessato alla teologia, sono Panteista, per chi non ha familiarità con il termine, credo nel Dio impersonale proposto da Baruch Spinoza, penso in altre parole che Dio sia Creatore e Creazione, che ogni cosa è Dio (Dio è la Natura e la Natura è Dio) nonostante questo non mi definisco epicureo.Ci tengo ad aggiungere, benché questo non conti, poiché i test derivati da quelli di Theodore Simon-Alfred Binet, compresi quelli di Wechsler e di Bell, altro non sono che una branca della sociologia e non della scienza medica che studia la mente umana, ergo la psichiatria, che servono solo a comporre una curva Gaussiana per studiare l’intelligenza media di una serie di individui molto vasta, che possiedo un quoziente intellettivo di 192, in teoria è un valore che, benché sia stato ottenuto con un test moderno ed attendibile, non sarebbe nemmeno raggiungibile individualmente in una società che dispone di individui con una media di 80.Questa è stata solo una prefazione molto breve per farmi conoscere.La fotografia ivi postata altri non è che una termografia statica, de iure la taccio come un’assoluta assurdità.De facto chiunque può notare che quella è una fotografia ottenuta in falsi colori da una termografia.Il (presunto) Dottor Kostantin Korotkov altro non ha fatto che fotografare i vapori della decomposizione invertendo i colori della scala (che mediamente presenta nei colori a spettro caldo le zone più calde, come il rosso, l’arancione, e quelli a spettro freddo per definire le zone più fredde, altro non ha fatto che invertire la legenda), ha però asserito di aver usato la fotografia Kirlian (che altro non è che un effetto corona impresso su una pellicola) applicando a questa un rilascio graduato di gas inerti, ma l’effetto corona, com’é ben noto, imprime un’aura, che in queste pellicole NON È PRESENTE, come palesato da un altro utente.Pertanto l’obiettivo di questo presunto dottore altro non è che truffare il popolo Russo, che dai tempi di Rasputin ha sempre creduto nel paranormale, benché la maggioranza asserisca d’essere atea.Vedete gli aloni azzurri che escono dagli orifizi auricolari del soggetto fotografato ? Il sangue inizia a decomporsi già dopo 3 minuti dal decesso, inizia a fermentare.L’arresto cardiaco crea uno stato di anossia, il citocromo ossidasi interrompe la sua attività di veicolo chimico per l’ossigeno.In assenza di un torrente ematico e con la totale assenza di apporto d’ossigeno ai tessuti, i batteri anaerobici presenti nel nostro sangue e nei nostri tessuti iniziano a farci letteralmente FERMENTARE.Questa termografia è un’ottima dimostrazione di come i vapori della decomposizione inizino ad uscire dagli orifizi superiori e dai pori della pelle e di come il sangue, poco prima del decesso, si accumuli alle estremità, portando il calore lontano dal miocardio.La coscienza altro non è che un epifenomeno meraviglioso del diencefalo umano, massimo prodotto dell’evoluzione della materia.Le sensazioni e la coscienza sono impulsi neuroelettrici, i ricordi sono peptidi che si creano nel soma (il nucleo delle cellule nervose) e le emozioni sono solo equilibri ormonali molto complessi.Questo vi appare triste ? Forse lo è, ma non per questo è sbagliato, è corretto …Volete sapere, dettagliatamente, PER QUALE MOTIVO È NATA LA VITA ??La materia è soggetta all’entropia, cioé ad un incremento del disordine crescente.Prendo come esempio un minerale, il quarzo, si cristallizza conforme pressione, emanazioni elettromagnetiche, temperatura, composizione atmosferica, persino macchie solari e venti cosmici!Quale scopo ha il quarzo di cristallizzarsi ? Gli atomi che lo compongono tentano di combattere l’entropia, di creare un ordine per evitare il decadimento entropico.La cellula altro non è che un tentativo macro-organizzato della materia di rallentare quanto più possibile il decadimento entropico, il sistema è dinamico e non quasi inerte come un cristallo di quarzo (in realtà nulla è inerte, l’universo è un mare di stringhe, o quanti per chi non accetta la teoria delle stringhe, che si mescolano e rimescolano fra di loro continuamente), possiede un solvente universale che permette un equilibrio fra anioni e cationi, i cationi neutralizzano l’azione degli anioni (o radicali liberi), possiede enzimi, organuli etc.In altre parole, l’evoluzione ha permesso l’esistenza della coscienza per rendere il sistema più dinamico e imprevedibile.Per chi ritiene impossibile che la materia inorganica formi materia organica, voglio rendere presente che il nostro pianeta non è stato sempre come lo conosciamo, era più simile a Venere, aveva un’atmosfera tossica di solfuri e ammoniaca, con le intensissime scariche elettriche e (vorrei usare il termine IUPAC, così per scherzare) il monossido di di-idrogeno (cioé acqua) formò i primi PRIONI.Dai PRIONI si è evoluta la vita, non da una primordiale cellula nata per magia, gli amminoacidi sono di difficilissima sintesi.Il prione è molto più semplice, la definirei quasi una forma di vita, è un filamento proteico che nasce, si riproduce e muore, l’evoluzione di alcuni prioni ha prodotto amminoacidi, in laboratorio non possiamo aspettare miliardi di anni però, pertanto siamo certi che i prioni hanno formato gli amminoacidi che generarono la vita.Conclusione ? L’anima NON ESISTE!Se esiste una qualche forma di coscienza che sopravvive alla morte creando così una forma di vita antologica (composta di puro pensiero) altro non è che l’impulso elettromagnetico che viene emanato dal nostro diencefalo durante il corso della nostra esistenza e che, sottoforma di onde, si diffonde nello spazio.Sono stato sufficientemente chiaro ?Se avete le prove dell’esistenza di un fenomeno trascendente, perfavore NOTIFICATEMELO, ne ho studiati a centinaia durante la mia vita e non ne ho trovato uno che è sopravvissuto al mio metodo analistico.E vi garantisco, VORREI SBAGLIARMI, con tutto me stesso.Invito Adriano Forgione a consultarmi per consulenze sul paranormale, la voce di uno scettico darà solo credito ai tuoi articoli, permettendo così a chi li legge di sviluppare una coscienza critico-scientifica.Buon proseguimento, Au Revoir.

  20. Tutto cio’ che aiuta a farci stare bene in questo istante e’ quello che veramente vogliamo, il resto non sembra avere molta importanza se non rivoltiamo la nostra attenzione nei suoi confronti, eppure le cose non cambiano come per magia, ma seguono la loro logica. Io sono daccordo con il definire la visione della gente come un aspetto del complesso. E’ come vedere tutto cio’ che stai adesso guardando, in questo istante, non ci rendiamo neanche conto di quanto sia compleso sia gia’ tutto questo poiche’ non sembra avere neanche grande rilevanza: non facciamo altro che vedere un complesso con tantissimi aspetti e non e’ importante quale sia l’aspetto che sto’ coniderando ma l’importante e’ che mi desti piacere e che non mi causi dolore, e’ per lo stesso motivo sono proprio qui’ adesso a scrivere questo. Tutto cio’ che ho fatto e’ riporre l’attenzione focalizzando e poi non focalizzando nel vuoto riesco cmq a rendermi conto di tutto nonostante sia difficile controllare i piccoli movimenti che il pensiero che si stia facendo proprio cio’ non induca a scivolarne, ma e’ un’azione molto involontaria e potrebbe anche essere controllata se lo si’ vuole… provateVoglio dire che visto che la vita e’ un viaggio e che le scelte che facciamo sono quello che condizionano il nostro destino l’unico modo per andarsi a prendere cio’ che si vuole e’ entrare in azione! Se il nostro carattere e’ il mix di molti assunti attenggiamenti positivi nei confronti della complessita’ che quella realta’ ci ha trasmesso attraverso i nostri pensieri ed osservazioni allora ottimo, viceversa potrebbe rivelarsi disastroso ed e’ questo di cui veramente noi ci preoccupiamo io credo. Se non ci preoccupassimo non ci sarebbe mai un probema per nulla che possa essere scelta di ognuno e sarebbe tutto piu’ semplice e comunque raggiungibile ma la verita’ e’ che non si ci puo’ permettere di non preoccuparci proprio perche’ non si sapreppe neanche come fare a vivere senza! Ormai una volta imparata, la tecnica di come si ci fa’ a preoccupare, diventa diffcile rendersene conto e pensare che in realta’ ce ne si possa liberare, rafforzando cosi’ lo spirito di combattivita’. Percio’ bisogna sdradicare la sensazione di preoccupazione che sovrasta fra tutti a volte nascondendosi nelle voci pigre della coscienza che non riusciamo sembra neanche a sentire piu’ ormai, ma che forse siamo dientati cosi’ abili nel distorcere che sembra nulla al mondo potrebbe mai riportarci indietro: ormai sembra una scelta di vita in un contesto che ne diventa la ragione. Questa forma di comfort nonostante quante pene possa mai procurare sara’ sempre li’ a dominare la nostra impostazione di come vorremmo i nostri pensieri essere organizzati per il modo che la nostra vita possa funzionare alla grande!!! 🙂 Con fede e con pazienza … ammiratore del rispetto dell’indipendenza, congedo me stesso nei migliori dei modi finalizzando… ahahaha … ma come parlo? non so’ piu’ dove nascondermi!!! Quanta preoccupazione e forse qualcuno generoso si offrira’ di consigliarmi uno piscolo perche’ secondo lui veramente aiuta e questo e’ il modo che funziona per loro!!! La verita’ siamo tutti piu’ o meno condizionati ed anche meccanici sia nei movimenti che nei nelle posture che nei pensieri e non vogliamo proprio rendercene conto! Scegliere la propria vita non tenendo piu’ conto di nulla e’ imposibile! Ne tanto meno fermare l’attivita’ mentale! L’unico modo per uscirne e’ la ricerca di nuovi atteggiamenti dal nostro interno verso la realta’ che viviamo che siamo rivolti ad una sana generazione di risultati sempre piu’ positivi, infondo e’ quello su cui si basa l’amore. Questo lo si puo’ applicare in ambe le realta’ sia quella dentro che fuori di noi. Scegliere il meglio per noi e’ il cammino del benessere dalla quale l’anima sembra vibrare ad un intensita’ di maggiore connessione con l’intero infinito.

Lascia un commento