Il santone indiano che non mangia

prahlad.jpg

 

PRAHLAD JANI – Il santone indiano che non mangia dimostra ai medici di dire la verità

Il santone indiano che non mangia e non beve da 74 anni dice la verità. A documentarlo è l’accurato check-up cui Prahlad Jani stato sottoposto in una stanza isolata di un ospedale sorvegliata da telecamere 24 ore su 24. Durante il periodo di osservazione lo yoghi, che vive in una grotta nello Stato settentrionale del Gujarat, “non ha consumato alcun cibo o bevuto acqua e non ha urinato o defecato”. E’ quanto ha dichiarato al quotidiano indiano “The Hindu” G. Ilavezhagen, capo del centro di ricerca militare che ha condotto l’esperimento. I medici si sono detti “sorpresi” dalle capacità dell’uomo che ha 82 ed è in perfetta salute. Il test é stato condotto da un team di 35 specialisti di un istituto appartenente al Defence Research and Development Organisation (Drdo) interessati a scoprire nuove “tecniche di sopravvivenza”. Come riferisce il sito web svizzero bluewin.ch, il periodo di osservazione è terminato la scorsa settimana e Jani è già tornato alla sua vita da eremita lasciando i medici senza parole.

Ma non si tratta della prima volta che l’eremita, dal potere paranormale, è stato messo sotto osservazione. Stando a quanto riportato dall’Ahmedabad Mirror, Prahlad Jani in precedenza aveva passato 10 giorni sotto esame in un ospedale dello stato settentrionale del Gujarat, nella città occidentale indiana di Ahmedabad. L’uomo è stato studiato da un team di medici del Defence Institute of Physiologist and Allied Science (Dipas), un centro di ricerca della Difesa,che lo aveva costantemente monitorato grazie a delle telecamere.

Prahlad Jani è in grado di non mangiare né bere da 74 anni e continuare a sopravvivere grazie ad una particolare tecnica di meditazione yoga. Sudhar Shah, il medico che lo sta seguendo, sostiene che Prahlad Jani «sia capace di produrre urina nella sua vescica e, poi, in base esclusivamente alla propria volontà, di rimandarla in circolo». Dalle analisi del sangue, risulta in salute e ha i medesimi parametri fisici di un 25enne. L’uomo era stato sottoposto nel 2003 ad un’analisi approfondita da parte di un’altra squadra di medici. Anche allora avevano tentato di impadronirsi del suo mistero. Tuttavia, non erano riusciti a trovare una spiegazione scientifica al fenomeno.

Prahlad Jani è nato in un povero villaggio del Gujarat, nel distretto di Charod Mehsana. L’uomo che non si nutre e non beve da 74 anni afferma di aver ricevuto dei miracolosi poteri da una divinità quando aveva di otto anni. Prahlad Jani, infatti, indossa il vestito tradizionale dei devoti della dea Ambaji, ed è venerato come una santone.


La pratica ascetica di Prahlad Jani è nota come breatharianismo (breath, respiro in inglese). Consisterebbe nel raggiungere grazie al potere della mente, il dominio assoluto delle proprie facoltà corporee. I Breathariani affermano di essere in grado di sopravvive cibandosi unicamente d’aria, di luce o di Prana, l’energia vitale dell’induismo. Per loro sarebbe possibile far scaturire questa energia dall’interno del proprio organismo, il quale, a sua volta, si ciberebbe di tale energia senza, quindi, auto-consumarsi. Si tratterebbe, inoltre, di facoltà innate, perdute nel tempo e riottenibili grazie all’ascesi e alla meditazione.

Se la pratica, in India, fa parte della tradizione e della cultura Indù, molti sedicenti Breathariani, in occidente, pare che sfruttino la speranza di nutrirsi di sola luce ed energia ed abbandonare così il “fardello” del doversi cibare per fare soldi a palate. Uno dei più noti è Wiley Brooks, più volte apparso in televisione che, per “poche” migliaia di dollari offre ai suoi adepti il segreto dell’immortalità, in seminari di 4-5 giorni. Molti Breathariani occidentali hanno fatto della loro pratica una battaglia sociale, arrivando a sostenere che la lobby del cibo sia la più potente al mondo e solo in virtù della sua manipolazione mentale l’umanità si è convinta della necessità di bere e cibarsi per sopravvivere.

Una della associazioni breathariane più note al mondo è l’australiana Jasmuheen. Jasmuheen ha scritto diversi libri, tra cui Nutrirsi di luce, Ambasciatori di luce e Alimentazione pranica. In questi spiega come sia possibile liberarsi dalla necessità di bere e cibarsi. Sparse per il mondo sono nate diverse associazioni per la diffusione del bretharianesimo. Una delle più famose è il Breatharian Institute Of America. Tra gli altri breathariani famosi, ci sono i maestri esoterici come Babaji, Saint Germain, Elijah, Giri Bala e Teresa Neumann.

(Pietro Vernizzi)

Il santone indiano che non mangiaultima modifica: 2010-06-04T16:37:41+00:00da adrianoforgione
Reposta per primo quest’articolo

17 pensieri su “Il santone indiano che non mangia

  1. Il titolo è scorretto. Il santone in questione non ha dimostrato nulla, visto che i test non sono stati condotti seriamente. Il santone poteva incontrare i suoi “fedeli”, uscire dal campo visivo della telecamera di sorveglianza e fare bagni e addirittura gargarismi.Dei bagni e dei gargarismi si parla addirittura nel rapporto dei medici mentre degli incontri e delle uscite dal campo visivo della telecamera ci sono le prove filmate:http://fsblendorio.blogspot.com/2010/05/lindiano-che-campa-di-luce-del-sole.htmlE‘ la traduzione dell’articolo di Sanal Edamaruku, presidente della Indian Rationalist Association, pubblicato su The Guardian il 18 maggio 2010.Vorrei aggiungere che breathariani, oltre ad arricchirsi coi loro “corsi” per fanatici, libri, conferenze, gadget e quant’altro, hanno causato diversi morti tra i loro adepti e andrebbero per questo perseguiti legalmente, altro che “manipolazione mentale l’umanità si è convinta della necessità di bere e cibarsi per sopravvivere”.Anche l’enfasi della stampa sul fatto che lo sponsor sia l’esercito è mistificatoria. Decenni di film ci hanno abituati a pensare ai militari come la massima espressione in fatto di tecnologia e confondere questo con una mentalità razionale e logica. Balle. Gli eserciti sono – da sempre – la massima espressione dell’ottusità umana, della rigidità e l’idea stessa di “catena di comando” che porta chi si macchia di un crimine di guerra a dire invariabilmente “eseguivo solo degli ordini” è la rinuncia al libero arbitrio e al pensiero indipendente. Cito Einstein, perché meglio non potrei dirlo: Questo argomento mi induce a parlare della peggiore fra le creazioni, quella delle masse armate, del regime militare voglio dire, che odio con tutto il cuore. Disprezzo profondamente chi è felice di marciare nei ranghi e nelle formazioni al seguito di una musica: costui solo per errore ha ricevuto un cervello; un midollo spinale gli sarebbe più che sufficiente. Bisogna sopprimere questa vergogna della civiltà il più rapidamente possibile. L’eroismo comandato, gli stupidi corpo a corpo, il nefasto spirito nazionalista, come odio tutto questo! E quanto la guerra mi appare ignobile e spregevole! Sarei piuttosto disposto a farmi tagliare a pezzi che partecipare a una azione così miserabile. Eppure, nonostante tutto, io stimo tanto l’umanità da essere persuaso che questo fantasma malefico sarebbe da lungo tempo scomparso se il buonsenso dei popoli non fosse sistematicamente corrotto, per mezzo della scuola e della stampa, dagli speculatori del mondo politico e del mondo degli affari.

  2. ecco, il calssico cicappino è arrivato. pure con blog ad hoc. ma non temiate: come da copione lui è quello che apre le danze. i debunker veri ( quelli che bombardano davvero-fino al grande capo) devono ancora arrivare. quelli che arrivano prima sono gli scartini. i carichi li lasciano per dopo.godiamoci il solito copione.

  3. che vita vuota che hanno questi… mai un sogno, mai un volo di fantasia… li vedo dire al figlio di 5 anni che aspetta babbo natale: “no, figlio, babbo natale non arriverà, perchè è scientificamente dimostrato che non si può volare dal polo nord a bordo di una slitta trainata da renne, perchè secondo la terza legge di Cippirimerlo e seguendo il teorema di Chiripacchio, la lunghezza dell’asse della slitta fratto il numero di scarpe della befana dà come risultato pi greco, quindi anche secondo quello che è stato dimostrato nell’esperimento condotto presso l’universita di Forcoli dal professori Gamberozzi… il tuo trenino sotto l’albero non ci sarà”…

  4. lorenzo, ben detto! Quelle del santone che campa d’aria sono fantasie e finché qualcuno non pretende di spacciarle per realtà senza fornire prove non ci sono problemi.Del resto la fantasia è una gran cosa che di certo non manca alle persone razionali (anzi!). Potrei citarti Arthur C. Clarke, Edgar Allan Poe, Isaac Asimov e tanti altri.Escludendo i casi patologici, un adulto, anche un sognatore, è in grado di distinguere tra fantasia e realtà a meno che in lui non sia preponderante il pensiero magico (l’associare pensieri o azioni ad eventi con cui non hanno legami causali reali), uno dei meccanismi mentali fondamentali per lo sviluppo del bambino. È normale che un bambino creda a babbo natale. Crescendo il pensiero magico si riduce senza sparire mai del tutto nemmeno nei razionalisti più convinti (*). Nella maggioranza delle persone si riduce allo stretto necessario con sintomi magari innocui (come una blanda scaramanzia).Il problema potrebbe sorgere quando un adulto crede a babbo natale, alla fatina dei denti, folletti, spiritelli, ecc. Se poi una setta come quella dei breathariani convince i propri adepti, dopo avergli spillato migliaia di dollari, che possono campare d’aria e questi *MUOIONO* letteralmente di sete (com’è successo più volte) allora forse è il caso di fare piena luce e pretendere le famose prove straordinarie richieste per le affermazioni straordinarie.O no?(*) Sappiamo tutti benissimo che per far piovere occorre lavar la macchina o che per far arrivare il treno basta accendere una sigaretta 😉

  5. >>>>Cito Einstein, perché meglio non potrei dirlo:Questo argomento mi induce a parlare della peggiore fra le creazioni, quella delle masse armate, del regime militare voglio dire, che odio con tutto il cuore. Disprezzo profondamente chi è felice di marciare nei ranghi e nelle formazioni al seguito di una musica: costui solo per errore ha ricevuto un cervello; un midollo spinale gli sarebbe più che sufficiente. Bisogna sopprimere questa vergogna della civiltà il più rapidamente possibile. L’eroismo comandato, gli stupidi corpo a corpo, il nefasto spirito nazionalista, come odio tutto questo! E quanto la guerra mi appare ignobile e spregevole! Sarei piuttosto disposto a farmi tagliare a pezzi che partecipare a una azione così miserabile. Eppure, nonostante tutto, io stimo tanto l’umanità da essere persuaso che questo fantasma malefico sarebbe da lungo tempo scomparso se il buonsenso dei popoli non fosse sistematicamente corrotto, per mezzo della scuola e della stampa, dagli speculatori del mondo politico e del mondo degli affari.>>>>oh madonna, non si è mai visto un debunker che cita einstein, proprio come non dovrebbe mai fare, visto che al numero 36 del decalogo del fuffaro scritto appunto dai debunker scrivono:”Citate Einstein, e citatelo spesso. Se possibile, citate cose che ha detto davvero. Ma Einstein è morto da un sacco di tempo, quindi è accettabile se lo rinfrescate un pochino, portandolo al passo coi tempi. Modificate una parolina qua e una parolina là per far risaltare il fatto che, se solo Einstein avesse potuto sapere quello che sapete voi oggi, vi avrebbe sostenuto a spada tratta.Comportatevi come se una qualsiasi citazione di Einstein sostenesse la vostra posizione. “roba da sbellicarsi dalle risate. riassumiamo:i debunker scrivono il manuale del perfetto fuffaro/believer e poi per debunkare usano esattamente un modo di fare che citano come tipico del complottista/fuffaro? quindi caro gabriele, in base al decalogo suddetto, tu sei un fuffaro. insomma, ti sei autodebunkato.fantastico. mi mancava questa performance.però puoi ancora salvarti: cita il rasoio di occamdebunker, che fate? mandate uno di serie z? allora, dai, su con i rinforzi!

  6. PeppepoppopippipuppupappaIo invece vedo che sei al secondo o terzo attacco personale e alla quarta o quinta chiamata alle armi contro il terribile debunker (con tanto di categorizzazioni da tifo calcistico in “noi” e “voi”) senza che tu sia riuscito a ribattere su UN SOLO argomento (ma in fondo la richiesta di aiuto è una manifesta dichiarazione di inferiorità). Non che mi aspettassi un gran che dato il livello dei tuoi commenti ma almeno uno schizzetto dentro il vaso avresti potuto provare a farlo, ma tant’è, non ci sono più i troll di una volta… Quelli in genere provocavano “in topic”, cercando di usare la retorica per trascinare altrove l’interlocutore solo in seguito, e scrivevano in un italiano corretto, dimostrando di avere non solo una certa comprensione dell’argomento ma anche almeno la terza media (non come certi semianalfabeti capaci al massimo di una sintassi da SMS).Sì, cito Einstein e lo faccio a proposito, integralmente, senza modificare una virgola di quello che ha scritto, non decontestualizzando, non mistificando e non attribuendogli altre idee se non quelle che ha professato; è in genere quello che ci si aspetta in termini di onestà intellettuale da parte di chi fa una citazione o di chi la commenta. N.N. I diversamente capenti possono saltare quanto segue, che li riguarda ma dal quale difficilmente potrebbero trarre giovamento.Mi rendo conto che questo (la capacità di fare una citazione corretta, intendo) getti nello sconforto chi non è in grado nemmeno di capire il senso di un decalogo – non dico di applicarlo visto che questo richiederebbe almeno un IQ misurabile e qui non siamo nemmeno a livello di traccie – ed abbia difficoltà cognitive a capire una frase in italiano più lunga di dieci parole, ma non sarà certo una breve postilla a peggiorare la loro situazione. D’altra parte sono giunto alla convinzione che i dendriti di certi individui siano in carbonato di calcio, come le stalagmiti. Ne hanno le stesse proprietà elettrochimiche e ritmo di sviluppo. Più che di attività sinaptica si può tranquillamente parlare di carsismo. Per costoro anche un “debunker” di serie “z” è spaventosamente fuori portata.

  7. madonna quanto rosichi! e secondo te io voglio replicare a che? alle minchiate che dici? mi godo semplicemnte lo spettacolo dei debunker che inciampano sulle proprie argomentazioni. prego…avanti con gli insultip.s. perchè non hai citato il rasoio di occam? lo tieni come ultima carta????

  8. Gabriele scrive:[…] dimostrando di avere non solo una certa comprensione dell’argomento ma anche almeno la terza media (non come certi semianalfabeti capaci al massimo di una sintassi da SMS).[…][…]- non dico di applicarlo visto che questo richiederebbe almeno un IQ misurabile e qui non siamo nemmeno a livello di traccie -[…]Concordo in pieno con te. In effetti per un QI misurabile servono almeno delle TRACCE, essendo questo il plurale di traccia. E questo ricordo bene di averlo imparato in terza elementare, altro che terza media, quindi qui i casi sono due:1) o sei un bambino di seconda elementare molto intelligente.2) o sei un semianalfabeta capace al massimo di una sintassi da SMS.Circa il santone è palese oltre ogni dubbio che l’esame a cui è stato sottoposto sia stato a dir poco dozzinale. In rete circolano persino le immagini mentre facendo il bagno si versa dell’acqua in bocca.

  9. @GabrieleMettiamola così. Il santone conosce il trucco per non mangiare, conosce le leggi fisiche per non mangiare ma nessuno si preoccupa di sgamarlo. Lo stesso non accade con i prestigiatori; molti cicappers sono prestigiatori… Perché il santone secondo te sarebbe sgamato per il fatto che esce dal filmato mentre i prestigiatori nella stessa situazione sarebbero bravi prestigiatori? Perché il santone ha fatto AFFERMAZIONI SUL PARANORMALE? Vi basterebbe dicesse che è un trucco per mettervi l’anima in pace? Così dimostrate di non interessarvi alla verità, ma solo alle affermazioni sulla verità… Avete già un pregiudizio, ma non vi serve che sia dimostrato, vi basta che uno vi dica che è tutto “nella norma” e potete tranquillamente osservare un asino che vola senza battere ciglio… Non vi sentite miseri?

  10. Mettiamola così. Il santone conosce il trucco per non mangiare, conosce le leggi fisiche per non mangiare ma nessuno si preoccupa di sgamarlo. Lo stesso non accade con i prestigiatori? Molti cicappers sono prestigiatori… Perché il santone secondo te sarebbe sgamato per il fatto che esce dal filmato mentre i prestigiatori nella stessa situazione sarebbero comunque prestigiatori? Perché il santone ha fatto AFFERMAZIONI SUL PARANORMALE? Vi basterebbe dicesse che è un trucco per mettervi l’anima in pace? Così dimostrate di non interessarvi alla verità, ma solo alle affermazioni sulla verità… Avete già un pregiudizio, ma non vi serve che sia dimostrato, vi basta che uno vi dica che è tutto “nella norma” e potete tranquillamente osservare un asino che vola senza battere ciglio… Non vi sentite miseri? E se non uscisse dal filmato che cosa direste? Che è bravo come imbroglione!

  11. Perché il santone secondo te sarebbe sgamato per il fatto che esce dal filmato mentre i prestigiatori nella stessa situazione sarebbero bravi prestigiatori? Cioè: se l’aspettativa di chi osserva viene disattesa…. il santone è un imbroglione perché disattende l’affermazione di fare miracoli, lascia intendere il trucco (esce dal campo visivo) mentre il prestigiatore, se disattende l’affermazione di essere prestigiatore, NON palesando trucchi, allora gli fate l’applauso, è un bravo prestigiatore… Ma ditemi allora voi se l’abilità del prestigiatore non è proprio quella di uscire abilmente dal campo visivo… Per forza, altrimenti dimostrerebbe di non essere un prestigiatore! Ma vi basta che lo dica… Vi preoccupate solo delle affermazioni per non andare veramente a “sgamare” imbroglioni e prestigiatori… Non è più interessante sgamare un trucco? Non è paranormale chiamare trucco ciò che non appare come tale? Perché non sottoponete i prestigiatori alle vostre verifiche? Paura di non racapezzarvi nemmeno con i trucchi?

  12. Quella di ammettere i trucchi dei prestigiatori è proiprio un brutto vizietto di voi cicappari, perché allora tutto può essere trucco…. Trucco è però una affermazione che nega l’evidenza, perciò ammettendo l’idea del trucco siete capaci di negare QUALSIASI evidenza, finché uno non ammette il trucco! Vi basta l’ammissione! Anche durante l’inquisizione bastava la ritrattazione di una dottrina scientifica per essere risparmiati… Ma che cosa c’è di soddisfacente in sé nell’affermazione che quanto osservato è un “trucco”? Il trucco sarebbe un imbroglio che ammette di essere tale. Ma potrebbe essere un imbroglio anche l’affermazione che si sta osservando un trucco… Perché vi accontentate delle affermazioni? Perché avete un pregiudizio e le affermazioni che lo confermano vi possono bastare…

  13. Vorrei sapere se Gabriele non si fida di quelli che hanno condotto l’esperimento, se non crede al fatto che è rimasto chiuso nella stessa stanza… Solo del cicap ci si deve fidare? Aspettiamo solo che il cicap vada a sottoporre il presunto sant’uomo/imbroglione ad altri esperimenti prima di sparare sentenze… Se fosse sempre rimasto dentro il campo di ripresa direste che le telecamere possono riprendere sequenze registrate e dare l’illusione di osservare quello che accade nella stanza. Non vi resta che fare voi l’esperimento, ma chi si fida di voi? L’esperimento fa fatto sia da credenti breatharians che da non credenti cicappari, sia da normali scettici… Allora è affidabile… Attenzione però che i cicappari potrebbero assoldare finti breatharians e finti scettici per condurre l’esperimento a modo loro… Dunque gli sperimentatori vanno estratti a sorte… Mai fidarsi, nemmeno di chi dice di non fidarsi…

Lascia un commento