Il sole sta mutando e modifica la materia sulla Terra. Siamo vicini al salto quantico?

Immagine 2.jpg

 

I laboratori di tutto il mondo certificano che qualcosa di potenzialmente dannoso sta accadendo nelle profondità del nucleo del sole: Particelle mai viste prima, con una forza misteriosa, vengono sparate fuori colpendo la terra.

Questo flusso di particelle sta modificando il tasso di decadimento della radioattività, prima considerato una costante ma sul quale adesso si verifica una variabilità preoccupante.

Qualcosa che viene emesso dal sole sta interagendo con la materia in modi strani e sconosciuti ed ha la sorprendente potenzialità di cambiare enormemente la natura della Terra stessa.

Ecco un link in inglese che approfondisce la questione.

http://news.discovery.com/space/is-the-sun-emitting-a-mystery-particle.html

Leggete bene cosa è scritto alla fine:

“….queste prove sembrano portare ad una fonte comune della variazione del tasso di decadimento radioattivo. Ma c’è un enorme problema con la supposizione che i neutrini solari potrebbero avere un impatto sui tassi di decadimento della Terra: i neutrini non lavorano così. I neutrini, nascono dai processi nucleari nel nucleo del sole, sono particelle fantasma. Passano letteralmente  attraverso la Terra senza ostacoli in quanto interagiscono solo molto debolmente. Come può un peso quantico così infitesimale avere un impatto misurabile sulla campioni radioattivi in ​​laboratorio?

In breve, nessuno lo sa. Se i neutrini sono i colpevoli, significa chestiamo fallendo terribilmente nel capire la vera natura di queste particelle subatomiche. Ma se (e questo è un grosso se) i neutrini non sono i colpevoli, il sole sta generando una particella ancora non scoperta? In entrambi i casi dovremo tornare indietro e riscrivere i libri di testo…”

Il sole sta mutando e modifica la materia sulla Terra. Siamo vicini al salto quantico?ultima modifica: 2011-05-24T15:50:28+00:00da adrianoforgione
Reposta per primo quest’articolo

7 pensieri su “Il sole sta mutando e modifica la materia sulla Terra. Siamo vicini al salto quantico?

  1. non so se mai ci sarà un salto quantico, inteso in modo scientifico… ma comunque siamo di sicuro vicini ad un salto.non voglio citare la fonte da cui questo mi perviene, dico soltanto che il tutto dovrebbe avvenire (iniziare) entro l’anno… per chi riuscirà ad arrivarci!

  2. LA TEMPESTA SOLARE CI SARÀNON È CERTA LA DATAÈ CERTO L’EVENTO !ALLARME NASA : BLACK OUT SULLA TERRATIMORI PER LE TELECOMUNICAZIONI E L’ECONOMIA MONDIALELa NASA conferma la Rivelazione di Gesù data a Conchiglia il 06 giugno 2000« BENTORNATO MIO SIGNORE » volume Ia cura diMovimento d’Amore San Juan DiegoMONOS – Divisione Ricerche Scientifiche e UmanisticheMaria Santissima, Nostra Signora di GuadalupeTrasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown che assume la forma di una conchiglia. NASA Science: Science NewsSEVERE WEATHER SPACE – IMPATTI SOCIALI ED ECONOMICI Questa è la sorprendente conclusione di uno studio della NASA -finanziato dalla National Academy of Sciences intitolato Severe Space Weather Events- capire gli impatti sociali ed economiche. Nella relazione di 132 pagine, gli esperti hanno dettagliato quello che potrebbe accadere alla nostra moderna società high-tech , in caso di un ” super flare solare “, seguito da una tempesta geomagnetica. Essi hanno scoperto che quasi nulla è immune dallo spazio tempo , neppure l’acqua nel vostro bagno.Destra: Aurore su Blair, Nebraska, durante una tempesta geomagnetica nel maggio 2005. Photo credit: Mike Hollingshead / Spaceweather.com IL PROBLEMA INIZIA CON LA RETE ELETTRICAL’energia elettrica è la tecnologia chiave di volta della società moderna su cui praticamente tutte le altre infrastrutture e servizi dipendono “, osserva il rapporto. Eppure è particolarmente vulnerabile agli agenti atmosferici. Correnti indotte a terra durante le tempeste geomagnetiche possono realmente fondere gli avvolgimenti di rame dei trasformatori al centro di molti sistemi di distribuzione dell’energia. Le linee elettriche agiscono come antenne , raccogliendo le correnti e la diffusione del problema sarà su una vasta area. La più famosa interruzione di alimentazione geomagnetica è accaduto durante una tempesta solare a marzo 1989 quando sei milioni di persone in Quebec sono rimaste senza elettricità per 9 ore: immagine. Secondo il rapporto, le reti elettriche possono essere più vulnerabili che mai. Il problema è interconnessione. Negli ultimi anni, si sono uniti insieme griglie per consentire la trasmissione a lunga distanza. L’interconnessione rende il sistema suscettibile ad ampia portata con “fallimenti a cascata “. Per stimare l’entità di un tale fallimento, rapporto di co-autore John Kappenmann della Corporation Metatech guardò la grande tempesta geomagnetica del maggio 1921 , che ha prodotto le correnti di terra tanto quanto dieci volte più forte della tempesta del 1989 nel Quebec, e modellato il suo effetto sulla la rete elettrica moderna. Ha trovato più di 350 trasformatori a rischio di danni permanenti e 130 milioni di persone senza potere. La perdita di elettricità sarebbe in tutta l’infrastruttura sociale: mancanza di distribuzione di acqua, alimenti deperibili e farmaci persi in 12-24 ore , perdita di riscaldamento / aria condizionata, fognature, servizio telefonico, carburante e così via. Il concetto di interdipendenza , osserva il rapporto, è evidente nella mancanza di acqua a causa di un’interruzione di lungo termine di energia elettrica e l’ impossibilità di riavviare un generatore elettrico senza acqua in loco. La più forte tempesta geomagnetica a verbale è l’evento Carrington di agosto-settembre 1859, dal nome dell’astronomo britannico Richard Carrington che ha assistito al flare istigazione solare con il suo occhio nudo, mentre era la proiezione di un’immagine del sole su uno schermo bianco. Attività geomagnetica innescata dall’esplosione di linee telegrafiche. “Una ripetizione del contemporaneo evento Carrington causerebbe ampie perturbazioni sociali ed economiche “, avverte il rapporto. Le interruzioni di corrente saranno accompagnate da radio black out e guasti satellite , telecomunicazioni , navigazione GPS, bancario e finanziario, e il trasporto. Quindi tutti i settori saranno colpiti. Alcuni problemi si potrebbero correggere con la dissolvenza della tempesta : le trasmissioni radio e GPS potrebbero tornare online abbastanza rapidamente. Altri problemi saranno duraturi : un trasformatore bruciato -out multi -ton , per esempio, può richiedere settimane o mesi per la riparazione. L’impatto economico totale nel primo anno da solo potrebbe raggiungere 2.000 miliardi dollari , circa 20 volte superiori ai costi di un uragano Katrina o, per usare un esempio più tempestivo , un tarps pochi. Sopra: Una rete di interdipendenze rende l’ economia moderna particolarmente sensibile alle tempeste solari. Fonte : Dipartimento di Homeland Security . [Ingrandisci]Qual è la soluzione? La relazione si conclude con un invito per le infrastrutture progettate per resistere meglio disturbi geomagnetici , il miglioramento dei codici GPS e frequenze e miglioramenti nelle previsioni meteorologiche spaziali. La previsione affidabile è fondamentale. Se gli operatori satellitari conoscono una tempesta è in arrivo, possono adottare provvedimenti per ridurre i danni , ad esempio, di scollegare i cavi , le schermature elettroniche vulnerabili, spegnere hardware critici. La NASA ha schierato una flotta di veicoli spaziali per studiare il sole e le sue eruzioni. Il Solar and Heliospheric Observatory (SOHO) , le sonde STEREO doppia, ACE , Wind e altri sono in servizio 24 / 7. I fisici della NASA devono utilizzare dati provenienti da queste missioni per comprendere la fisica di base delle riacutizzazioni e delle tempeste geomagnetiche, del personale a NOAA ‘s Space Weather Prediction Center per utilizzare i risultati e per affinare le loro previsioni.Al momento, nessuno sa quando la prossima super tempesta solare eruttare. Potrebbe essere tra anni di distanza o di soli 100 giorni. E ‘ qualcosa a cui pensare.Autore : Dr. Tony Phillips – james.a.phillips@earthlink.net Altre informazioni: http://www.nswp.gov/swef/swef_2010.html__________________________National Press Club Washington DCJune 8, 2010Richard Fisher, capo della Divisione di eliofisica della NASA:Il Sole si sta risvegliando da un sonno profondo, ed entro pochi anni ci aspettiamo livelli molto più elevati di attività solare. Nello stesso tempo, la nostra società tecnologica ha sviluppato una sensibilità senza precedenti rispetto alle tempeste solari. L’intersezione di queste due questioni è il tema del nostro incontro.http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2010/04jun_swef/ http://www.nswp.gov/swef/swef_2010.html.Washington 8 giu 2010Terra e spazio sono in procinto di entrare in contatto in un modo del tutto nuovo per la storia umana. Per prepararsi, le autorità di Washington DC hanno tenuto un incontro: The Space Weather Enterprise Forum al Club Nazionale della Stampa lo scorso 8 giugno. La National Academy of Sciences ha inquadrato il problema due anni fa, in una relazione storica dal titolo “Severe Space Weather Events – Societal and Economic Impacts” (Gravi eventi del clima spaziale – impatti sociali ed economici). Ha evidenziato come le persone del 21° secolo, si affidino ai sistemi ad alta tecnologia per gli aspetti base della vita quotidiana. Centrali elettriche intelligenti, navigazione GPS, viaggi in aereo, servizi finanziari e comunicazioni radio di emergenza possono tutti essere messi KO da un’intensa attività solare. Una tempesta solare di classe cento, mette in guardia l’Academy, potrebbe causare danni economici venti volte superiori a quelli causati dall’uragano Katrina. Gran parte dei danni può essere ridotta se i dirigenti hanno di modo di essere informati in anticipo dell’arrivo di una tempesta. Mettere i satelliti in ‘modalità di sicurezza’ e disconnettere i trasformatori può proteggere questi dispositivi dal danno di sovraccarico elettrico. L’azione preventiva, tuttavia, richiede previsioni precise – un compito che è stato assegnato al NOAA. “Le previsioni meteorologiche spaziali sono ancora ad uno stadio iniziale, ma stiamo facendo rapidi progressi”, afferma Thomas Bogdan, direttore del NOAA’s Space Weather Prediction Center (Centro di Previsioni Meteorologiche Spaziali NOAA) di Boulder, in Colorado. Tra le dozzine di navette spaziali NASA, lui ne evidenzia tre in particolare: STEREO, SDO e ACE.STEREO (Solar Terrestrial Relations Observatory, Osservatorio sulle Relazioni tra Sole e Terra) è formato da un paio di navicelle che stazionano ai lati opposti del Sole con una vista combinata del 90% della superficie stellare. In passato, le macchie solari attive potevano nascondersi nel lato più remoto del sole, invisibile dalla Terra, e poi improvvisamente emergere sulle eruzioni e sui getti di massa coronale. STEREO fa sì che questo tipo di attacchi a sorpresa siano impossibili.SDO (il Solar Dynamics Observatory, Osservatorio sulle Dinamiche Solari) è l’aggiunta più recente alla flotta della NASA. Lanciato a Febbraio, è in grado di fotografare regioni solari attive ad una risoluzione di spettro, temporale e spaziale senza precedenti. I ricercatori possono ora studiare le eruzioni con squisito dettaglio, e nutrono buone speranze di imparare a comprendere i meccanismi delle fiammate e come prevederle. SDO tiene sotto controllo anche la notevole emissione UV del sole, che influenza la reazione dell’atmosfera della Terra alle variazioni solari.Il preferito da Bogdan, però, è uno dei vecchi satelliti NASA: l’Advanced Composition Explorer (ACE) lanciato nel 1997. “Dove saremmo senza di lui?” si chiede. ACE è un osservatore del vento solare. Esso è situato controvento tra il sole e la Terra, rilevando le raffiche dal sole, getti di massa coronale di miliardi di tonnellate, e tempeste di radiazioni fino a 30 minuti prima che colpiscano il nostro pianeta.“ACE è il nostro miglior sistema di allarme rapido”, dice Bogdan. “Esso ci permette di informare la sede predisposta e gli operatori del satellite quando una tempesta sta per colpire”.In origine le navette della NASA non erano destinate ad operazioni di previsione – “ma sembra che i nostri dati siano pratici per utilizzi economici e civili”, osserva Fisher. “Questo è un buon esempio di scienza spaziale che aiuta la società moderna”.Nel 2010, per il quarto anno consecutivo, coloro che attuano piani politici ed economici, ricercatori, legislatori e reporter si sono riuniti a Washington DC per discutere del clima spaziale. Quest’anno gli organizzatori del forum hanno pensato di accentuare l’attenzione sulla protezione delle infrastrutture necessarie. L’obiettivo finale è di migliorare la capacità nazionale di preparare, ridurre, e rispondere ad eventi metereologici spaziali potenzialmente devastanti.“Credo che siamo sulla soglia di una nuova era in cui il clima spaziale può influenzare le nostre vite quotidiane quanto il comune clima terrestre.” conclude Fisher. “Prendiamo la questione molto seriamente”. IN BREVE: IL CONTENUTO DEL FORUM: Lo Space Weather Enterprise Forum 2010Ci avviciniamo al prossimo picco di attività solare prevista per il 2013, la nostra nazione affronta, moltiplicando incertezze, il problema della crescente dipendenza dalle tecnologie spaziali meteo, per la comunicazione, la navigazione, la sicurezza, e altre attività,su molte delle quali si fonda la nostra rete di infrastrutture e l’economia. La meteorologia spaziale Enterprise Forum riunisce lo spazio della comunità meteo per condividere informazioni e idee tra politici, capi di governo di alto livello, ricercatori, agenzie di fornitore di servizi, fornitori di servizi del settore privato, spazio agli utenti su informazioni meteo, i media, e dei legislatori e il personale da Capitol Hill per aumentare la consapevolezza della meteorologia spaziale e dei suoi effetti sulla società.Fonte : http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2010/04jun_swef/ SPACE WEATHERSI TRASFORMA IN UN PROBLEMA INTERNAZIONALEQuanto un problema è così grande, un Paese non in grado di gestirlo da solo. Questo è il messaggio di Scienziati che si sono riuniti a Brema in Germania e che stanno diffondendo in tutto il mondo ai 25 Paesi, i più tecnologicamente avanzati. Il problema è come prevedere le tempeste solari e restare al riparo da loro effetti, dice ILWS presidente Lika Guhathakurta del quartier generale della NASA . “Abbiamo bisogno di fare progressi su questo prima che il prossimo massimo solare arriva intorno a 2013 Se previsioni sono corrette, il ciclo solare raggiungerà il picco nel corso degli anni intorno al 2013 . E anche se probabilmente non sarà il più grande picco record , la società umana non è mai stato più vulnerabile. Le basi della vita quotidiana, dalle comunicazioni alle previsioni del tempo ai servizi finanziari , dipendono da satelliti ed elettronica high-tech. Un Rapporto 2008 dalla National Academy of Sciences ha avvertito che una tempesta solare di classe secolo potrebbero causare miliardi di danni economici. Preparazione per una ” solare Katrina “, lanciando una nuova scienza, sfruttando il talento di scienziati di tutto il mondo : “Questi sono solo alcuni dei nostri obiettivi per la riunione di questa settimana “, dice Guhathakurta . Dr. Tony Phillips | Credit : Science @ NASA – 16 Luglio 2010 ______________________________VERTICE ALLA NASAsvoltosi l’8 Giugno 2010TIMORI PER LE TELECOMUNICAZIONI E L’ECONOMIA MONDIALEArticolo pubblicato dalla NASA SCIENCE NEWSAs the Sun Awakens, NASA Keeps a Wary Eye on Space Weather Secondo la Nasa, le nostre reti informatiche e quelle elettriche potrebbe essere distrutte dal picco di attività solare previsto per i prossimi anni. A Washington, non a caso si è aperto il Forum sul Clima Solare promosso dalla Nasa in cui protagonista sarà proprio il picco di attività stellare. Secondo Richard Fisher, scienziato della Nasa «la nostra società tecnologica ha sviluppato una sensibilità alle tempeste solari senza precedenti». Siamo, infatti, dipendenti dalle apparecchiature elettroniche. L’onda di particelle, tra i suoi effetti, potrebbe sortire anche quello di mandare in tilt i nostri satelliti. Potremmo, nell’arco di poco tempo restare al buio, senza energia elettrica e comunicazioni. «Il primo segno di pericolo verrebbe quando le radiazioni iniziassero a disturbare segnali radio e dispositivi GPS. Dieci o venti minuti dopo, i satelliti commerciali che trasmettono conversazioni telefoniche, TV ed informazioni di ogni genere sarebbero praticamente spazzati via», ha detto Tom Bogdan, scienziato che ha modello matematico per rappresentare quello che potrebbe accadere. Poco dopo sarebbe la volta di tutte le linee elettriche.Le radiazioni sarebbero in grado di indurre corrente sulle linee elettriche ad alto voltaggio. Il che porterebbe alla distruzione «praticamente di tutti i trasformatori sul pianeta». Il tutto, accadrebbe simultaneamente ovunque. Come sottolinea Fisher, “il sole si sta risvegliando da un profondo sonno, ed entro pochi anni ci aspettiamo di vedere livelli molto più elevati di attività solare”. La National Academy of Sciences aveva già affrontato il problema due anni fa in un rapporto intitolato “Gravi eventi legati al tempo solare – Conseguenze sociali ed economiche”. Il documento osservava come le persone del 21esimo secolo fanno affidamento sui sistemi hi-tech per le attività fondamentali della loro vita quotidiana. Le reti di energia elettrica, la navigazione Gps, i viaggi aerei, i servizi finanziari e le comunicazioni radio d’emergenza possono essere spazzate via da un’intensa attività solare. Fonte: il Sussidiario ONDA ENERGETICA – In un mondo come il nostro in cui le reti energetiche e informatiche sono oramai un assunto insostituibile, che condizionano la nostra civiltà e il nostro modo di vivere, il picco delle radiazioni stellari di cui si discute non è per niente una buona notizia. Per Richard Fisher, scienziato dell’Agenzia Spaziale, “la nostra società tecnologica ha sviluppato una sensibilità alle tempeste solari senza precedenti”. E la massiccia ondata di particelle solari, se effettivamente rilasciata, potrebbe mandare in tilt la maggior parte dei satelliti che orbitano attorno al nostro pianeta, lasciandoci tutti al buio, isolati e bloccati: uno scenario terribile.LA DEVASTAZIONE – Tom Bogdan, che ha sviluppato il worst-case scenario riguardo la futura tempesta, non ha dubbi: saremmo davanti ad una “nuova Katrina”. Secondo il modello matematico elaborato, infatti, “il primo segno di pericolo verrebbe quando le radiazioni iniziassero a disturbare segnali radio e dispositivi GPS. Dieci o venti minuti dopo, i satelliti commerciali che trasmettono conversazioni telefoniche, TV ed informazioni di ogni genere sarebbero praticamente spazzati via”. Il giorno dopo, toccherebbe alle linee elettriche: le radiazioni solari sarebbero infatti in grado di indurre corrente dentro le linee ad alto voltaggio “distruggendo praticamente tutti i trasformatori sul pianeta”. Senza elettricità, continua lo scienziato, giù anche l’acqua, il riscaldamento e il telefono. E la parte peggiore del disastro sarebbe il fatto che tutto questo succederebbe simultaneamente su tutta la superficie del globo, diversamente dunque da una catastrofe naturale “classica” – uragani, terremoti – che affliggono una sola area.Fonte: http://www.express-news.itALLERTA GLOBALE: TERCER MILLENIO http://www.youtube.com/v/2TXEUjq6v9Iwww.eluniversal.com.mx/articulos/60046.htmlwww.eluniversal.com.mx/internacional/69426.html LA NASA conferma la Rivelazione data a Conchiglia il 6 giugno 2000Come specificato dalle tesate giornalistiche, gli Scienziati dicono che nessuno morirà a causa della prevista TEMPESTA SOLARE ma a causa della mancanza di elettricità dovremo cambiare necessariamente e da subito il nostro modo di vivere.parte tratta da:LA RIVELAZIONEdata a Conchiglia« BENTORNATO MIO SIGNORE » I volumeGesù a Conchiglia06 giugno 2000 – 01.45 “ Conchiglia dai scrivi…. che il tempo è arrivato LA TEMPESTA è alle porte del mondo.Tranquilla bambina non devi temere quantunque ogni cosa ti par che va male…il male va verso la fine… il mondo malvagio or finirà e come promesso tutto cambierà.Conchiglia dai scrivi… che il Sole più caldo sarà ma il freddo pungente ad un tratto sarà.Gli elementi tutti saranno sconvolti… i poli si sposterannola terra tremerà ancora e tremerà forte non spaventatevi figli Miei di voi Mi occupo Io che canto per voi una musica nuova.Ovunque guardate rigoglio sarà… cantate… cantate inni di gioia.Ma prima vedrete la Mia Giustizia cadere su quelli che non Mi hanno ascoltato.Tu parla di Me e non stancarti dì a tutti che parlo con te.Troverai tanti amici e chi non ti ascolterà… tu parla comunque e non ti preoccupar.Soltanto una volta parlare dovrai se non ti ascolteranno non ripeterai.Tu senti nel cuore che sto arrivando e chi ti sta accanto ti scruta da un po’ vorrebbe capire qualcosa di più… ma il giorno e l’ora… nessuno la sa.IL TEMPO PERÒ È QUESTO QUI non c’è da aspettare più oramai i giorni si contano su poche mani… i cambiamenti sono alle porte e quelle tra poco si chiuderanno.Faranno rumore i cardini ovunque chi è dentro è dentro… chi è fuori langue. Io uso ancora la Mia Misericordia ma poi Giustizia farò.”LA TEMPESTA SOLARE CI SARÀGLI SCIENZIATI DI TUTTO IL MONDO ATTENDONO UNA TEMPESTA SOLARECHE SARÀ CAUSA DELLA MANCANZA DELL’ ENERGIA ELETTRICANON È CERTA LA DATA È CERTO L’EVENTOSARÀ UN PERIODO DI GRANDE TRIBOLAZIONE CHE È GIÀ INIZIATO PER MOLTIGli Scienziati dicono che nessuno morirà a causa della tempesta solare ma a causa della mancanza di elettricità dovremo cambiare necessariamente il modo di vivere.DA SEMPRE L’UNIONE FA LA FORZAPer prudenza e affrontare i gravi disagi causati dalla mancanza di elettricità a causa della tempesta solare in arrivo ci si dovrebbe allontanare dalle città e andare ad abitare nelle campagne. Un minimo di approvvigionamento è opportuno anche in caso di altro tipo di calamità, che come tutti possono constatare stanno già avvenendo in tutto il mondo.Formare delle piccole Comunità, più famiglie o persone unendo le possibilità finanziare per le spese. Abitare in una grande casa che abbia della terra che si potrebbero abitare e coltivare in comune anche con ambienti separati, oppure più case vicine.CON AMORE OCCORRE DARE IL PRIMO POSTO A DIOPregare per i Sacerdoti ed aiutarli, quindi mettere a disposizione loro e per la famiglia una stanza da adibire alla preghiera.Provvedere alla custodia del Santissimo Sacramento in un contenitore antiurto e antiacqua.Il Sacerdote dovrebbe provvedere all’occorrente per la Santa Messa.Stola e abito sacerdotaleGli oli benedetti dal Vescovo per amministrare i Sacramenti Scorta di ostie da consacrareImmagini del Sacro Cuore di Gesù e di MariaCroce di San Benedetto per gli esorcismi, per allontanare il Maligno dai luoghi e dalle personeBibbia, Vangelo RosarioScapolare del Carmelo (con il Sacerdote consacrarsi a Maria Santissima, Madre e Regina del Carmelo)Candele benedette Acqua benedetta, meglio se esorcizzata Procurarsi libri e manuali di sopravvivenzaIstruzioni per curarsi con le erbe e per coltivare un ortoAttrezzi vari per lavorare la terraAttrezzi vari per riparazioni Corde robuste-filo di ferro-martello-segaRete metallica di protezionePaletti in legno o ferroCampanella rumorosa per attirare l’attenzione (non funzioneranno i campanelli)Animali da cortile: galline e papereGranturco per mangimeVeleni per topi e spray per insettiCane da guardia (gli antifurto non funzioneranno)Bicicletta (auto inutilizzabili per mancanza di carburante)Zanzariere ( possibile invasione di insetti) e persiane robuste alle finestreTeli di plastica trasparenti per finestre (aria contaminata,tossica)I cancelli elettrici non si apriranno-chiuderanno (meglio con chiavi e lucchetti).Un pozzo d’acqua potabile se possibile o scorta di acquaStufe a legna per scaldarsi e scorta di legnaForno a legna o cucina a legna per cucinareCandele e torce, solari o a ricarica manualeFiammiferi da cucinaSapone di marsiglia per bucato a manoBicarbonato di sodio ( per disinfettare e pulire ogni cosa)Argento colloidale (è un antibiotico naturale e disinfettante, non è tossico, non ha controindicazioni, adatto anche a donne in stato di gravidanza, e bambini) http://www.argento-colloidale.info/cgi-bin/index.aspBende, garze, cerottiAntidolorifici generici da bancoScorta medicinali (per chi ha delle patologie gravi) Orologio – sveglia ( con carica manuale, no al quarzo)Radio transistor e batterieEstintoreQuaderno, pennaOccorrente igiene personale e indumenti adulti e bambiniAssorbenti igienici per donna e bambinoCarta igienicaSacchetti per rifiuti umidi Rotoli grandi di carta assorbenteCoperte di lanaAlimenti non deperibili a lunga scadenza:Quello che occorre, in essenzialità, per bambini ed anzianiFarinaPastaLegumi secchi e in scatolaBiscotti secchiSaleOlio MieleTonno e carne in scatolaSacchetti per altri rifiutiMangime secco per cani da guardia.Conchiglia della Santissima TrinitàMOVIMENTO D’AMORE SAN JUAN DIEGOwww.conchiglia.net

  3. LA TEMPESTA SOLARE CI SARÀNON È CERTA LA DATAÈ CERTO L’EVENTO !ALLARME NASA : BLACK OUT SULLA TERRATIMORI PER LE TELECOMUNICAZIONI E L’ECONOMIA MONDIALELa NASA conferma la Rivelazione di Gesù data a Conchiglia il 06 giugno 2000« BENTORNATO MIO SIGNORE » volume Ia cura diMovimento d’Amore San Juan DiegoMONOS – Divisione Ricerche Scientifiche e UmanisticheMaria Santissima, Nostra Signora di GuadalupeTrasposizione della Tilma sul Planisfero di Brown che assume la forma di una conchiglia. NASA Science: Science NewsSEVERE WEATHER SPACE – IMPATTI SOCIALI ED ECONOMICI Questa è la sorprendente conclusione di uno studio della NASA -finanziato dalla National Academy of Sciences intitolato Severe Space Weather Events- capire gli impatti sociali ed economiche. Nella relazione di 132 pagine, gli esperti hanno dettagliato quello che potrebbe accadere alla nostra moderna società high-tech , in caso di un ” super flare solare “, seguito da una tempesta geomagnetica. Essi hanno scoperto che quasi nulla è immune dallo spazio tempo , neppure l’acqua nel vostro bagno.Destra: Aurore su Blair, Nebraska, durante una tempesta geomagnetica nel maggio 2005. Photo credit: Mike Hollingshead / Spaceweather.com IL PROBLEMA INIZIA CON LA RETE ELETTRICAL’energia elettrica è la tecnologia chiave di volta della società moderna su cui praticamente tutte le altre infrastrutture e servizi dipendono “, osserva il rapporto. Eppure è particolarmente vulnerabile agli agenti atmosferici. Correnti indotte a terra durante le tempeste geomagnetiche possono realmente fondere gli avvolgimenti di rame dei trasformatori al centro di molti sistemi di distribuzione dell’energia. Le linee elettriche agiscono come antenne , raccogliendo le correnti e la diffusione del problema sarà su una vasta area. La più famosa interruzione di alimentazione geomagnetica è accaduto durante una tempesta solare a marzo 1989 quando sei milioni di persone in Quebec sono rimaste senza elettricità per 9 ore: immagine. Secondo il rapporto, le reti elettriche possono essere più vulnerabili che mai. Il problema è interconnessione. Negli ultimi anni, si sono uniti insieme griglie per consentire la trasmissione a lunga distanza. L’interconnessione rende il sistema suscettibile ad ampia portata con “fallimenti a cascata “. Per stimare l’entità di un tale fallimento, rapporto di co-autore John Kappenmann della Corporation Metatech guardò la grande tempesta geomagnetica del maggio 1921 , che ha prodotto le correnti di terra tanto quanto dieci volte più forte della tempesta del 1989 nel Quebec, e modellato il suo effetto sulla la rete elettrica moderna. Ha trovato più di 350 trasformatori a rischio di danni permanenti e 130 milioni di persone senza potere. La perdita di elettricità sarebbe in tutta l’infrastruttura sociale: mancanza di distribuzione di acqua, alimenti deperibili e farmaci persi in 12-24 ore , perdita di riscaldamento / aria condizionata, fognature, servizio telefonico, carburante e così via. Il concetto di interdipendenza , osserva il rapporto, è evidente nella mancanza di acqua a causa di un’interruzione di lungo termine di energia elettrica e l’ impossibilità di riavviare un generatore elettrico senza acqua in loco. La più forte tempesta geomagnetica a verbale è l’evento Carrington di agosto-settembre 1859, dal nome dell’astronomo britannico Richard Carrington che ha assistito al flare istigazione solare con il suo occhio nudo, mentre era la proiezione di un’immagine del sole su uno schermo bianco. Attività geomagnetica innescata dall’esplosione di linee telegrafiche. “Una ripetizione del contemporaneo evento Carrington causerebbe ampie perturbazioni sociali ed economiche “, avverte il rapporto. Le interruzioni di corrente saranno accompagnate da radio black out e guasti satellite , telecomunicazioni , navigazione GPS, bancario e finanziario, e il trasporto. Quindi tutti i settori saranno colpiti. Alcuni problemi si potrebbero correggere con la dissolvenza della tempesta : le trasmissioni radio e GPS potrebbero tornare online abbastanza rapidamente. Altri problemi saranno duraturi : un trasformatore bruciato -out multi -ton , per esempio, può richiedere settimane o mesi per la riparazione. L’impatto economico totale nel primo anno da solo potrebbe raggiungere 2.000 miliardi dollari , circa 20 volte superiori ai costi di un uragano Katrina o, per usare un esempio più tempestivo , un tarps pochi. Sopra: Una rete di interdipendenze rende l’ economia moderna particolarmente sensibile alle tempeste solari. Fonte : Dipartimento di Homeland Security . [Ingrandisci]Qual è la soluzione? La relazione si conclude con un invito per le infrastrutture progettate per resistere meglio disturbi geomagnetici , il miglioramento dei codici GPS e frequenze e miglioramenti nelle previsioni meteorologiche spaziali. La previsione affidabile è fondamentale. Se gli operatori satellitari conoscono una tempesta è in arrivo, possono adottare provvedimenti per ridurre i danni , ad esempio, di scollegare i cavi , le schermature elettroniche vulnerabili, spegnere hardware critici. La NASA ha schierato una flotta di veicoli spaziali per studiare il sole e le sue eruzioni. Il Solar and Heliospheric Observatory (SOHO) , le sonde STEREO doppia, ACE , Wind e altri sono in servizio 24 / 7. I fisici della NASA devono utilizzare dati provenienti da queste missioni per comprendere la fisica di base delle riacutizzazioni e delle tempeste geomagnetiche, del personale a NOAA ‘s Space Weather Prediction Center per utilizzare i risultati e per affinare le loro previsioni.Al momento, nessuno sa quando la prossima super tempesta solare eruttare. Potrebbe essere tra anni di distanza o di soli 100 giorni. E ‘ qualcosa a cui pensare.Autore : Dr. Tony Phillips – james.a.phillips@earthlink.net Altre informazioni: http://www.nswp.gov/swef/swef_2010.html__________________________National Press Club Washington DCJune 8, 2010Richard Fisher, capo della Divisione di eliofisica della NASA:Il Sole si sta risvegliando da un sonno profondo, ed entro pochi anni ci aspettiamo livelli molto più elevati di attività solare. Nello stesso tempo, la nostra società tecnologica ha sviluppato una sensibilità senza precedenti rispetto alle tempeste solari. L’intersezione di queste due questioni è il tema del nostro incontro.http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2010/04jun_swef/ http://www.nswp.gov/swef/swef_2010.html.Washington 8 giu 2010Terra e spazio sono in procinto di entrare in contatto in un modo del tutto nuovo per la storia umana. Per prepararsi, le autorità di Washington DC hanno tenuto un incontro: The Space Weather Enterprise Forum al Club Nazionale della Stampa lo scorso 8 giugno. La National Academy of Sciences ha inquadrato il problema due anni fa, in una relazione storica dal titolo “Severe Space Weather Events – Societal and Economic Impacts” (Gravi eventi del clima spaziale – impatti sociali ed economici). Ha evidenziato come le persone del 21° secolo, si affidino ai sistemi ad alta tecnologia per gli aspetti base della vita quotidiana. Centrali elettriche intelligenti, navigazione GPS, viaggi in aereo, servizi finanziari e comunicazioni radio di emergenza possono tutti essere messi KO da un’intensa attività solare. Una tempesta solare di classe cento, mette in guardia l’Academy, potrebbe causare danni economici venti volte superiori a quelli causati dall’uragano Katrina. Gran parte dei danni può essere ridotta se i dirigenti hanno di modo di essere informati in anticipo dell’arrivo di una tempesta. Mettere i satelliti in ‘modalità di sicurezza’ e disconnettere i trasformatori può proteggere questi dispositivi dal danno di sovraccarico elettrico. L’azione preventiva, tuttavia, richiede previsioni precise – un compito che è stato assegnato al NOAA. “Le previsioni meteorologiche spaziali sono ancora ad uno stadio iniziale, ma stiamo facendo rapidi progressi”, afferma Thomas Bogdan, direttore del NOAA’s Space Weather Prediction Center (Centro di Previsioni Meteorologiche Spaziali NOAA) di Boulder, in Colorado. Tra le dozzine di navette spaziali NASA, lui ne evidenzia tre in particolare: STEREO, SDO e ACE.STEREO (Solar Terrestrial Relations Observatory, Osservatorio sulle Relazioni tra Sole e Terra) è formato da un paio di navicelle che stazionano ai lati opposti del Sole con una vista combinata del 90% della superficie stellare. In passato, le macchie solari attive potevano nascondersi nel lato più remoto del sole, invisibile dalla Terra, e poi improvvisamente emergere sulle eruzioni e sui getti di massa coronale. STEREO fa sì che questo tipo di attacchi a sorpresa siano impossibili.SDO (il Solar Dynamics Observatory, Osservatorio sulle Dinamiche Solari) è l’aggiunta più recente alla flotta della NASA. Lanciato a Febbraio, è in grado di fotografare regioni solari attive ad una risoluzione di spettro, temporale e spaziale senza precedenti. I ricercatori possono ora studiare le eruzioni con squisito dettaglio, e nutrono buone speranze di imparare a comprendere i meccanismi delle fiammate e come prevederle. SDO tiene sotto controllo anche la notevole emissione UV del sole, che influenza la reazione dell’atmosfera della Terra alle variazioni solari.Il preferito da Bogdan, però, è uno dei vecchi satelliti NASA: l’Advanced Composition Explorer (ACE) lanciato nel 1997. “Dove saremmo senza di lui?” si chiede. ACE è un osservatore del vento solare. Esso è situato controvento tra il sole e la Terra, rilevando le raffiche dal sole, getti di massa coronale di miliardi di tonnellate, e tempeste di radiazioni fino a 30 minuti prima che colpiscano il nostro pianeta.“ACE è il nostro miglior sistema di allarme rapido”, dice Bogdan. “Esso ci permette di informare la sede predisposta e gli operatori del satellite quando una tempesta sta per colpire”.In origine le navette della NASA non erano destinate ad operazioni di previsione – “ma sembra che i nostri dati siano pratici per utilizzi economici e civili”, osserva Fisher. “Questo è un buon esempio di scienza spaziale che aiuta la società moderna”.Nel 2010, per il quarto anno consecutivo, coloro che attuano piani politici ed economici, ricercatori, legislatori e reporter si sono riuniti a Washington DC per discutere del clima spaziale. Quest’anno gli organizzatori del forum hanno pensato di accentuare l’attenzione sulla protezione delle infrastrutture necessarie. L’obiettivo finale è di migliorare la capacità nazionale di preparare, ridurre, e rispondere ad eventi metereologici spaziali potenzialmente devastanti.“Credo che siamo sulla soglia di una nuova era in cui il clima spaziale può influenzare le nostre vite quotidiane quanto il comune clima terrestre.” conclude Fisher. “Prendiamo la questione molto seriamente”. IN BREVE: IL CONTENUTO DEL FORUM: Lo Space Weather Enterprise Forum 2010Ci avviciniamo al prossimo picco di attività solare prevista per il 2013, la nostra nazione affronta, moltiplicando incertezze, il problema della crescente dipendenza dalle tecnologie spaziali meteo, per la comunicazione, la navigazione, la sicurezza, e altre attività,su molte delle quali si fonda la nostra rete di infrastrutture e l’economia. La meteorologia spaziale Enterprise Forum riunisce lo spazio della comunità meteo per condividere informazioni e idee tra politici, capi di governo di alto livello, ricercatori, agenzie di fornitore di servizi, fornitori di servizi del settore privato, spazio agli utenti su informazioni meteo, i media, e dei legislatori e il personale da Capitol Hill per aumentare la consapevolezza della meteorologia spaziale e dei suoi effetti sulla società.Fonte : http://science.nasa.gov/science-news/science-at-nasa/2010/04jun_swef/ SPACE WEATHERSI TRASFORMA IN UN PROBLEMA INTERNAZIONALEQuanto un problema è così grande, un Paese non in grado di gestirlo da solo. Questo è il messaggio di Scienziati che si sono riuniti a Brema in Germania e che stanno diffondendo in tutto il mondo ai 25 Paesi, i più tecnologicamente avanzati. Il problema è come prevedere le tempeste solari e restare al riparo da loro effetti, dice ILWS presidente Lika Guhathakurta del quartier generale della NASA . “Abbiamo bisogno di fare progressi su questo prima che il prossimo massimo solare arriva intorno a 2013 Se previsioni sono corrette, il ciclo solare raggiungerà il picco nel corso degli anni intorno al 2013 . E anche se probabilmente non sarà il più grande picco record , la società umana non è mai stato più vulnerabile. Le basi della vita quotidiana, dalle comunicazioni alle previsioni del tempo ai servizi finanziari , dipendono da satelliti ed elettronica high-tech. Un Rapporto 2008 dalla National Academy of Sciences ha avvertito che una tempesta solare di classe secolo potrebbero causare miliardi di danni economici. Preparazione per una ” solare Katrina “, lanciando una nuova scienza, sfruttando il talento di scienziati di tutto il mondo : “Questi sono solo alcuni dei nostri obiettivi per la riunione di questa settimana “, dice Guhathakurta . Dr. Tony Phillips | Credit : Science @ NASA – 16 Luglio 2010 ______________________________VERTICE ALLA NASAsvoltosi l’8 Giugno 2010TIMORI PER LE TELECOMUNICAZIONI E L’ECONOMIA MONDIALEArticolo pubblicato dalla NASA SCIENCE NEWSAs the Sun Awakens, NASA Keeps a Wary Eye on Space Weather Secondo la Nasa, le nostre reti informatiche e quelle elettriche potrebbe essere distrutte dal picco di attività solare previsto per i prossimi anni. A Washington, non a caso si è aperto il Forum sul Clima Solare promosso dalla Nasa in cui protagonista sarà proprio il picco di attività stellare. Secondo Richard Fisher, scienziato della Nasa «la nostra società tecnologica ha sviluppato una sensibilità alle tempeste solari senza precedenti». Siamo, infatti, dipendenti dalle apparecchiature elettroniche. L’onda di particelle, tra i suoi effetti, potrebbe sortire anche quello di mandare in tilt i nostri satelliti. Potremmo, nell’arco di poco tempo restare al buio, senza energia elettrica e comunicazioni. «Il primo segno di pericolo verrebbe quando le radiazioni iniziassero a disturbare segnali radio e dispositivi GPS. Dieci o venti minuti dopo, i satelliti commerciali che trasmettono conversazioni telefoniche, TV ed informazioni di ogni genere sarebbero praticamente spazzati via», ha detto Tom Bogdan, scienziato che ha modello matematico per rappresentare quello che potrebbe accadere. Poco dopo sarebbe la volta di tutte le linee elettriche.Le radiazioni sarebbero in grado di indurre corrente sulle linee elettriche ad alto voltaggio. Il che porterebbe alla distruzione «praticamente di tutti i trasformatori sul pianeta». Il tutto, accadrebbe simultaneamente ovunque. Come sottolinea Fisher, “il sole si sta risvegliando da un profondo sonno, ed entro pochi anni ci aspettiamo di vedere livelli molto più elevati di attività solare”. La National Academy of Sciences aveva già affrontato il problema due anni fa in un rapporto intitolato “Gravi eventi legati al tempo solare – Conseguenze sociali ed economiche”. Il documento osservava come le persone del 21esimo secolo fanno affidamento sui sistemi hi-tech per le attività fondamentali della loro vita quotidiana. Le reti di energia elettrica, la navigazione Gps, i viaggi aerei, i servizi finanziari e le comunicazioni radio d’emergenza possono essere spazzate via da un’intensa attività solare. Fonte: il Sussidiario ONDA ENERGETICA – In un mondo come il nostro in cui le reti energetiche e informatiche sono oramai un assunto insostituibile, che condizionano la nostra civiltà e il nostro modo di vivere, il picco delle radiazioni stellari di cui si discute non è per niente una buona notizia. Per Richard Fisher, scienziato dell’Agenzia Spaziale, “la nostra società tecnologica ha sviluppato una sensibilità alle tempeste solari senza precedenti”. E la massiccia ondata di particelle solari, se effettivamente rilasciata, potrebbe mandare in tilt la maggior parte dei satelliti che orbitano attorno al nostro pianeta, lasciandoci tutti al buio, isolati e bloccati: uno scenario terribile.LA DEVASTAZIONE – Tom Bogdan, che ha sviluppato il worst-case scenario riguardo la futura tempesta, non ha dubbi: saremmo davanti ad una “nuova Katrina”. Secondo il modello matematico elaborato, infatti, “il primo segno di pericolo verrebbe quando le radiazioni iniziassero a disturbare segnali radio e dispositivi GPS. Dieci o venti minuti dopo, i satelliti commerciali che trasmettono conversazioni telefoniche, TV ed informazioni di ogni genere sarebbero praticamente spazzati via”. Il giorno dopo, toccherebbe alle linee elettriche: le radiazioni solari sarebbero infatti in grado di indurre corrente dentro le linee ad alto voltaggio “distruggendo praticamente tutti i trasformatori sul pianeta”. Senza elettricità, continua lo scienziato, giù anche l’acqua, il riscaldamento e il telefono. E la parte peggiore del disastro sarebbe il fatto che tutto questo succederebbe simultaneamente su tutta la superficie del globo, diversamente dunque da una catastrofe naturale “classica” – uragani, terremoti – che affliggono una sola area.Fonte: http://www.express-news.itALLERTA GLOBALE: TERCER MILLENIO http://www.youtube.com/v/2TXEUjq6v9Iwww.eluniversal.com.mx/articulos/60046.htmlwww.eluniversal.com.mx/internacional/69426.html LA NASA conferma la Rivelazione data a Conchiglia il 6 giugno 2000Come specificato dalle tesate giornalistiche, gli Scienziati dicono che nessuno morirà a causa della prevista TEMPESTA SOLARE ma a causa della mancanza di elettricità dovremo cambiare necessariamente e da subito il nostro modo di vivere.parte tratta da:LA RIVELAZIONEdata a Conchiglia« BENTORNATO MIO SIGNORE » I volumeGesù a Conchiglia06 giugno 2000 – 01.45 “ Conchiglia dai scrivi…. che il tempo è arrivato LA TEMPESTA è alle porte del mondo.Tranquilla bambina non devi temere quantunque ogni cosa ti par che va male…il male va verso la fine… il mondo malvagio or finirà e come promesso tutto cambierà.Conchiglia dai scrivi… che il Sole più caldo sarà ma il freddo pungente ad un tratto sarà.Gli elementi tutti saranno sconvolti… i poli si sposterannola terra tremerà ancora e tremerà forte non spaventatevi figli Miei di voi Mi occupo Io che canto per voi una musica nuova.Ovunque guardate rigoglio sarà… cantate… cantate inni di gioia.Ma prima vedrete la Mia Giustizia cadere su quelli che non Mi hanno ascoltato.Tu parla di Me e non stancarti dì a tutti che parlo con te.Troverai tanti amici e chi non ti ascolterà… tu parla comunque e non ti preoccupar.Soltanto una volta parlare dovrai se non ti ascolteranno non ripeterai.Tu senti nel cuore che sto arrivando e chi ti sta accanto ti scruta da un po’ vorrebbe capire qualcosa di più… ma il giorno e l’ora… nessuno la sa.IL TEMPO PERÒ È QUESTO QUI non c’è da aspettare più oramai i giorni si contano su poche mani… i cambiamenti sono alle porte e quelle tra poco si chiuderanno.Faranno rumore i cardini ovunque chi è dentro è dentro… chi è fuori langue. Io uso ancora la Mia Misericordia ma poi Giustizia farò.”LA TEMPESTA SOLARE CI SARÀGLI SCIENZIATI DI TUTTO IL MONDO ATTENDONO UNA TEMPESTA SOLARECHE SARÀ CAUSA DELLA MANCANZA DELL’ ENERGIA ELETTRICANON È CERTA LA DATA È CERTO L’EVENTOSARÀ UN PERIODO DI GRANDE TRIBOLAZIONE CHE È GIÀ INIZIATO PER MOLTIGli Scienziati dicono che nessuno morirà a causa della tempesta solare ma a causa della mancanza di elettricità dovremo cambiare necessariamente il modo di vivere.DA SEMPRE L’UNIONE FA LA FORZAPer prudenza e affrontare i gravi disagi causati dalla mancanza di elettricità a causa della tempesta solare in arrivo ci si dovrebbe allontanare dalle città e andare ad abitare nelle campagne. Un minimo di approvvigionamento è opportuno anche in caso di altro tipo di calamità, che come tutti possono constatare stanno già avvenendo in tutto il mondo.Formare delle piccole Comunità, più famiglie o persone unendo le possibilità finanziare per le spese. Abitare in una grande casa che abbia della terra che si potrebbero abitare e coltivare in comune anche con ambienti separati, oppure più case vicine.CON AMORE OCCORRE DARE IL PRIMO POSTO A DIOPregare per i Sacerdoti ed aiutarli, quindi mettere a disposizione loro e per la famiglia una stanza da adibire alla preghiera.Provvedere alla custodia del Santissimo Sacramento in un contenitore antiurto e antiacqua.Il Sacerdote dovrebbe provvedere all’occorrente per la Santa Messa.Stola e abito sacerdotaleGli oli benedetti dal Vescovo per amministrare i Sacramenti Scorta di ostie da consacrareImmagini del Sacro Cuore di Gesù e di MariaCroce di San Benedetto per gli esorcismi, per allontanare il Maligno dai luoghi e dalle personeBibbia, Vangelo RosarioScapolare del Carmelo (con il Sacerdote consacrarsi a Maria Santissima, Madre e Regina del Carmelo)Candele benedette Acqua benedetta, meglio se esorcizzata Procurarsi libri e manuali di sopravvivenzaIstruzioni per curarsi con le erbe e per coltivare un ortoAttrezzi vari per lavorare la terraAttrezzi vari per riparazioni Corde robuste-filo di ferro-martello-segaRete metallica di protezionePaletti in legno o ferroCampanella rumorosa per attirare l’attenzione (non funzioneranno i campanelli)Animali da cortile: galline e papereGranturco per mangimeVeleni per topi e spray per insettiCane da guardia (gli antifurto non funzioneranno)Bicicletta (auto inutilizzabili per mancanza di carburante)Zanzariere ( possibile invasione di insetti) e persiane robuste alle finestreTeli di plastica trasparenti per finestre (aria contaminata,tossica)I cancelli elettrici non si apriranno-chiuderanno (meglio con chiavi e lucchetti).Un pozzo d’acqua potabile se possibile o scorta di acquaStufe a legna per scaldarsi e scorta di legnaForno a legna o cucina a legna per cucinareCandele e torce, solari o a ricarica manualeFiammiferi da cucinaSapone di marsiglia per bucato a manoBicarbonato di sodio ( per disinfettare e pulire ogni cosa)Argento colloidale (è un antibiotico naturale e disinfettante, non è tossico, non ha controindicazioni, adatto anche a donne in stato di gravidanza, e bambini) http://www.argento-colloidale.info/cgi-bin/index.aspBende, garze, cerottiAntidolorifici generici da bancoScorta medicinali (per chi ha delle patologie gravi) Orologio – sveglia ( con carica manuale, no al quarzo)Radio transistor e batterieEstintoreQuaderno, pennaOccorrente igiene personale e indumenti adulti e bambiniAssorbenti igienici per donna e bambinoCarta igienicaSacchetti per rifiuti umidi Rotoli grandi di carta assorbenteCoperte di lanaAlimenti non deperibili a lunga scadenza:Quello che occorre, in essenzialità, per bambini ed anzianiFarinaPastaLegumi secchi e in scatolaBiscotti secchiSaleOlio MieleTonno e carne in scatolaSacchetti per altri rifiutiMangime secco per cani da guardia.Conchiglia della Santissima Trinità

  4. Ma l’hai letto l’articolo? Perché qui non si tratta di saperne qualcosa della materia, si tratta di banale comprensione del testo.In breve:- si è notato che i tassi di decadimento di vari materiali radioattivi non sono costanti come si è sempre supposto, ma variano leggermente; il fatto che varino “spontaneamente” è contro quello che prevede la fisica attuale.- Non solo: questa variazione è in linea di massimo prevedibile e periodica, e queste ricorrenze sembrano essere legate in qualche maniera ai comportamenti del sole: il tasso di decadimento diminuisce leggermente in estate per aumentare in inverno, e ci sono delle variazioni con periodo di 33 giorni, pari al periodo di rotazione del Sole attorno al suo asse.- Volendo pensare al Sole come causa di queste variazioni, una delle ipotesi che si può fare è che quest’influenza si eserciti tramite i neutrini, particelle che il sole emette continuamente in quantità ridicolmente grandi, ma che interagiscono molto debolmente con la materia (sono privi di carica elettrica, di carica “di colore” e hanno una massa ridicola – ammesso che ce l’abbiano); tuttavia, in teoria i neutrini non dovrebbero causare nulla del genere.- In alternativa, si può pensare ad altre particelle che il sole emette, di tipo finora sconosciuto, dotate di questa strana proprietà di influenzare il tasso di decadimento dei materiali.In ogni caso, non c’è scritto da nessuna parte che il sole sta mutando, semplicemente l’effetto si è osservato solo recentemente, e solo recentemente si è fatta la correlazione tra questi fenomeni e il sole.

Lascia un commento